Buon viaggio Maestro

186

“Una delle chiavi della modernità civile è il rispetto. Che non vuol dire devozione,
ma consapevolezza della relazione. Tutto ciò che io penso ha un senso solo
se si confronta  con quello che pensano gli altri. Il rispetto significa
non interferire con la vita mentale dell’altro, ma confrontarsi con essa”.
Aldo Masullo

di Ugo Righi

In foto un ritratto di Aldo Masullo

Dopo Gillo Dorfles, dopo Emanuele Severino anche lui!
Se ne vanno alti modelli e esempi di vita e pensiero e quelli che vedo prevalentemente non hanno neanche uno straccio di copione. Mi aveva accolto con gentilezza e cura nella sua casa al vomero, arredata con leggerezza, ovviamente piena di libri, quadri, fotografie, vari oggetti che certamente rappresentavano schegge di vita, e con il sentimento di un’anima che circonda tutto, che si sente ma anche “si vede”. Scorsi poi in un angolo su un leggio il libro di poesie che aveva dedicato alla moglie scomparsa.
Parlammo un paio d’ore e io in quel breve tempo capii ancora meglio di trovarmi insieme a un uomo unico.
Fui consapevole della straordinarietà e per questo la vissi con ancora più intensità. Ma il momento che me lo fece sentire con ancora più chiarezza fu il commiato.
Salutandoci lo ringraziai e lui mi disse con convinzione e calore “grazie a lei!”. Rimasi colpito e continuai a pensarci lungo la strada, avvertendo il piacere e anche però la “non conformità” della relazione al termine, il suo ringraziare me! Com’era possibile che lui, facesse questo.
Il punto è che avvertivo la credibilità, il sentimento di realtà di quel saluto. Mi diceva che aveva imparato da me e il punto, ripeto, è che era vero. Praticava quello che insegnava e quindi rendeva vero tutto quello che affermava. Lo capii: mettersi davvero alla pari rappresenta per chi è davvero sopra un modo per confermare ancora più la propria superiorità.
Provo gratitudine per Masullo, per il suo pensiero che ha alimentato il mio su molti aspetti, provo gratitudine per quella mattina fresca di Primavera di qualche anno fa.