Bus per gite scolastiche, quasi 2 su 10 non in regola con la revisione: maglia nera alla Campania

57

Il 18,62% degli autobus per trasporto persone destinati a servizio di noleggio con conducente non è in regola con la revisione. Secondo l’analisi di Facile.it su dati ufficiali del Ministero dei Trasporti, si tratta, complessivamente di 5.482 mezzi su un totale di 29.434 presenti nell’Archivio Nazionale dei Veicoli gestito dalla Motorizzazione. In questa categoria di veicoli, evidenziano gli analisti, “rientrano, ad esempio, quelli utilizzati per le gite scolastiche degli alunni o per i tour turistici”. Analizzando i dati su base territoriale, è la Campania a vincere la maglia nera, con il 30,1% di mezzi non in regola con la revisione, seguita da Calabria (26,51%) e Umbria (25%). Guardando invece ai valori assoluti, dopo la Campania (1.370 mezzi non in regola con la revisione), si posizionano il Lazio e la Puglia. Le regioni più virtuose, invece, sono la Valle d’Aosta, dove solo il 4,76% non è in regola con la revisione, il Trentino Alto Adige (7,28%) e il Piemonte (7,52%).
ll dato relativo agli autobus a noleggio con conducente, segnalano gli analisti di Facile.it, “peraltro, risulta essere di poco inferiore” a quello rilevato dal portale solo qualche giorno fa, che ha calcolato che in Italia il 19,50% delle auto private non è in regola con la revisione. “Tanto nel caso delle auto private quanto in quello degli autobus a noleggio con conducente -chiariscono- parte dei veicoli non in regola con la revisione potrebbero non essere più in uso e parcheggiati in rimessa, ma è pressoché impossibile conoscerne il numero preciso”. In ogni caso, gli analisti di Facile.it ricordano che “il codice della strada (art. 80) stabilisce che per i veicoli adibiti a noleggio con conducente la revisione deve essere disposta annualmente” e che “il mancato rispetto della legge, oltre a comportare rischi in termini di sicurezza ed essere soggetto a sanzioni amministrative, può avere delle ripercussioni anche dal punto di vista assicurativo” e inoltre “in caso di sinistro, la compagnia ha il diritto di rivalersi sull’assicurato”.