Cacciatori di teste per trovare l’ad Rai

20

Roma, 18 lug.(Adnkronos) – – A quanto apprende l’Adnkronos da autorevoli fonti governative, una società di cacciatori di teste sarebbe stata ‘ingaggiata’ dal ministero dell’Economia per individuare l’amministratore delegato Rai. Tanti i nomi del top manager contattati nelle ultime ore, ma per molti il ruolo in Rai é legato ad un ostacolo di non poco conto: il tetto di 240mila euro lordi l’anno previsto per legge per i dirigenti pubblici, dunque da applicare anche all’ad di viale Mazzini.Tra i nomi contattati in queste ore, a quanto si apprende, figurerebbe anche quello di Raffaele Annecchino, executive vice president di Viacom. Annecchino è a capo di Viacom in sud e nord Europa, Turchia, Africa e Medio Oriente. Ma anche sul suo nome, stando almeno ai rumors interni, con ogni probabilità si delineerebbe un problema di retribuzione. Intanto oggi alla Camera è in programma l’elezione dei quattro membri del cda Rai di competenza parlamentare.Il problema del tetto allo stipendio potrebbe essere bypassato usufruendo di risorse interne a viale Mazzini, ma questa opzione, assicurano fonti governative all’Adnkronos, non sarebbe sul tavolo.Anche se la partita ad è aperta, l’obiettivo è chiudere tra venerdì e lunedì della prossima settimana.