Camera di commercio di Cuneo, dopo 27 anni Ferruccio Dardanello lascia la presidenza

244
In foto Ferruccio Dardanello

Sabato 22 febbraio, a Cuneo nello Spazio Incontri della Fondazione Crc, l’emozionatissimo Ferruccio Dardanello ha tracciato un bilancio dei suoi 27 anni da presidente della Camera di Commercio di Cuneo, incarico che lascerà tra poche settimane. Nell’incontro, Dardanello ha richiamato l’attenzione dei tanti “amici” presenti, con l’emozione di chi intende decrivere un traguardo che, per quanti lo conoscono bene, difficilmente lo riterrà tale. “Anche se sono abituato, oggi l’emozione è grande – ha detto -. E’ stato un viaggio straordinario, nel quale sono stato accompagnato da una grande squadra, che ha vinto degli scudetti perché alla base c’erano dei valori importanti. Vi dico un dato per far capire la coesione unica che c’è sempre stata: dal 1993 ad oggi sono state votate 11.496 delibere e mai c’è stato un voto contrario”. Quindi una frecciata alla politica (“Non comprende che è necessario ridare dignità e risorse economiche al sistema delle imprese”) prima dei tanti e sentiti ringraziamenti.
L’emozione più grande quando si è rivolto alla moglie Angela: “Mi hai accompagnato sempre, senza di te non avrei scritto tutte queste pagine”, ha detto con la voce rotta dalla commozione.
Le pagine sono quelle dello straordinario libro scritto in questi 27 anni: “Ma tutti i romanzi arrivano al termine. Il mio è stata una storia straordinaria, in cui mi avete dato tante emozioni”.
Poi, lo sguardo verso il futuro con il consueto ottimismo: “La vecchiaia arriva solo quando si smette di sognare: e allora continuiamo a sognare insieme per il nostro splendido territorio”.
La mattinata, dal titolo “1993-2020. Dalla legge 580, l’evoluzione di un sistema” è stata organizzata nell’ambito della “Settimana dell’amministrazione aperta”.
Oltre a celebrare Dardanello, è stata presentata l’evoluzione del sistema camerale in Piemonte, in Italia, in Europa e nel mondo grazie agli interventi di Claudio Gagliardi, vice segretario generale di Unioncamere Nazionale, Paolo Bertolino, segretario generale di Unioncamere Piemonte, Flavio Burlizzi, responsabile di Unioncamere Europa, Gaetano Esposito, segretario generale di Assocamerestero. Presenti anche il vice sindaco di Cuneo Patrizia Manassero, il presidente della Fondazione Crc Giandomenico Genta, il professor Giuseppe Tardico, co-fondatore del Campus di Management ed Economia di Cuneo, ed alcuni parlamentari della Granda.