Camera di commercio italiana in Cina, secondo volo speciale a Nanchino con oltre 300 manager

90
in foto l'ambasciata italiana a Pechino

E’ atterrato ieri mercoledì 10 agosto a Nanchino il secondo volo speciale predisposto dall’Ambasciata italiana a Pechino e dalla Camera di Commercio italiana in Cina per la stagione estiva. Il volo charter, partito nelle prime ore di ieri dall’aeroporto di Milano Malpensa, ha riportato in Cina oltre 300 passeggeri, per lo più imprenditori e manager italiani.
“L’organizzazione dei charter, frutto di un lavoro di squadra assai intenso sempre gestito nell’interesse delle nostre aziende – si legge in una nota -, mira a facilitare gli spostamenti aerei tra Italia e Cina – ancora compromessi dalla pandemia in corso –, favorendo i viaggi di lavoro o le visite ai famigliari della nostra comunità d’affari”.
Come rivela anche un sondaggio condotto nel mese di luglio volto a valutare il business sentiment delle aziende italiane che operano nella Repubblica Popolare (consultabile gratuitamente qui), uno dei problemi più sentiti da oltre il 40% degli intervistati continua a essere la mobilità. Un rilevamento in linea con quelli emersi nella nostra seconda indagine effettuata nell’aprile di quest’anno, che conferma come le difficoltà incontrate dalla nostra comunità imprenditoriale sul fronte della mobilità continuino a impattare in modo non trascurabile sul business italiano in Cina.
Al volo di ieri seguirà un ulteriore volo charter nel mese di settembre, che andrà a chiudere un’operazione lanciata per il terzo anno consecutivo da Ambasciata e Camera di Commercio e che ha contribuito finora al trasferimento di quasi 2.000 passeggeri.
“Si ricorda – prosegue la nota – che, come ulteriore azione a sostegno delle aziende italiane, la Camera di commercio italiana in Cina ha anche siglato due diversi accordi con la compagnia aerea Neos, grazie ai quali i nostri soci vedono accordarsi diritto di prelazione sull’acquisto di biglietti per i voli commerciali in partenza ogni settimana da Milano con destinazione Tianjin e Nanchino (e viceversa).