Camera di Commercio Salerno, nuove misure per la digitalizzazione delle imprese

88
In foto la Camera di commercio di Salerno

Strumenti software dell’impresa 4.0 per l’acquisizione e la gestione di dati a supporto delle decisioni, della progettazione e ingegnerizzazione dei prodotti/servizi, dell’analisi dei processi; internet alta velocità, cloud, mobile, big data analytics; IoT (Internet delle cose), tecnologie di comunicazione machine-to-machine; robotica avanzata (stampa 3D, robot collaborativi interconnessi e programmabili); sicurezza informatica; realtà aumentata e virtuale a supporto dei processi produttivi. Sono questi i principali ambiti in cui stanno investendo le imprese salernitane, secondo l’ultimo Rapporto Excelsior. La tendenza locale segue, di fatto, quella nazionale. Tra tutte le imprese italiane che hanno investito, il 42,8% di queste dichiara di aver investito in maniera strategica in Internet alta velocità, cloud, mobile, big data analytics (quota al 33% nel periodo precedente), in sicurezza informatica il 41,2% in Strumenti software dell’impresa 4.0 per l’acquisizione e la gestione di dati 37,9%, IoT internet delle cose 28,9%, robotica avanzata 23,5% e realtà aumentata a supporto dei processi produttivi 24,4%. Sul territorio, invece, la Camera di Commercio di Salerno sta mettendo in campo delle soluzioni per favorire il miglioramento digitale delle aziende, soprattutto quelle di piccole dimensioni. All’interno del Piano Nazionale Transizione 4.0 l’ente di via Roma ha approvato il progetto “Punto Impresa Digitale” (PID) al fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese (MPMI) di tutti i settori economici. A tale scopo è stato siglato un protocollo di intesa con l’Università Federico II di Napoli, volto a prototipare un Punto Impresa Digitale coerente con le necessità dell’ecosistema socio-economico meridionale: PIDMed. Nell’ambito di tali attività la Camera concede contributi alle imprese secondo le modalità indicate nel “Bando voucher digitali I4.0”. Con questi obiettivi: sviluppare la capacità di collaborazione tra MPMI e tra esse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented; promuovere l’utilizzo, da parte delle MPMI della circoscrizione territoriale camerale, di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0; favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 e alla ripartenza nella fase post-emergenziale.