Camera: sì a ddl responsabilità medici

22

(ANSA) – ROMA, 28 GEN – Il medico o l’operatore sanitario la cui imperizia determini la morte o la lesione personale dell’assistito risponderà solo per colpa grave, a meno che, salvo le rilevanti specificità del caso concreto, non abbia rispettato le buone pratiche cliniche assistenziali e le raccomandazioni previste da linee guida. E’ la principale innovazione della proposta di legge sulla responsabilità professionale del personale sanitario che è stata approvata dall’Aula della Camera con 307 sì, 84 no e 12 astenuti e passa al Senato. Contro hanno votato M5S e Sel.
   

(ANSA) – ROMA, 28 GEN – Il medico o l’operatore sanitario la cui imperizia determini la morte o la lesione personale dell’assistito risponderà solo per colpa grave, a meno che, salvo le rilevanti specificità del caso concreto, non abbia rispettato le buone pratiche cliniche assistenziali e le raccomandazioni previste da linee guida. E’ la principale innovazione della proposta di legge sulla responsabilità professionale del personale sanitario che è stata approvata dall’Aula della Camera con 307 sì, 84 no e 12 astenuti e passa al Senato. Contro hanno votato M5S e Sel.