Camorra: l’allarme del vescovo di Acerra

146

(ANSA) – ACERRA (NAPOLI), 12 MAR – Recrudescenza criminale, droga, alcool e gioco d’azzardo in aumento tra i giovani, hanno convinto il vescovo di Acerra (Napoli), monsignor Antonio Di Donna, a lanciare un appello alle forze dell’ordine per un maggiore controllo del territorio.
    Con una lettera aperta, il vescovo ed i sacerdoti di Acerra e di Licignano, frazione della vicina Casalnuovo (Napoli), sottolineano la propria preoccupazione per il ripetersi ”di episodi criminali nelle ultime settimane”, che, insieme ai ”vecchi motivi di disagio”, come la disoccupazione e le vertenze dei lavoratori del consorzio unico di bacino, ”aggravano la precaria situazione sociale, rischiando di minare la già fragile sicurezza dei cittadini”.
    ”Particolare preoccupazione destano le ‘piazze di spaccio’ – scrivono i pastori della Chiesa – punti precisi delle città, ormai zone franche per la criminalità, e precluse alla vita sociale delle persone”.
   

(ANSA) – ACERRA (NAPOLI), 12 MAR – Recrudescenza criminale, droga, alcool e gioco d’azzardo in aumento tra i giovani, hanno convinto il vescovo di Acerra (Napoli), monsignor Antonio Di Donna, a lanciare un appello alle forze dell’ordine per un maggiore controllo del territorio.
    Con una lettera aperta, il vescovo ed i sacerdoti di Acerra e di Licignano, frazione della vicina Casalnuovo (Napoli), sottolineano la propria preoccupazione per il ripetersi ”di episodi criminali nelle ultime settimane”, che, insieme ai ”vecchi motivi di disagio”, come la disoccupazione e le vertenze dei lavoratori del consorzio unico di bacino, ”aggravano la precaria situazione sociale, rischiando di minare la già fragile sicurezza dei cittadini”.
    ”Particolare preoccupazione destano le ‘piazze di spaccio’ – scrivono i pastori della Chiesa – punti precisi delle città, ormai zone franche per la criminalità, e precluse alla vita sociale delle persone”.