Campania, 1.258 donne accolte nei centri anti violenza nel 2018. Tre su dieci hanno più di 40 anni

21

Nel 2018 sono state 1.258 le donne che si sono rivolte ai centri anti violenza della Campania. È quanto emerso dai dati raccolti dall’Osservatorio sul fenomeno della Regione. Nello specifico, il 30,2% delle vittime di violenza ha un’età compresa tra i 40 e i 49 anni, il 40,5% è coniugata, nel 35% dei casi è in possesso di diploma di scuola secondaria di primo grado, nel 30,7% dei casi è disoccupata. La tipologia di violenza più frequente è quella psicologica con il 24%, seguita dalla violenza fisica con la percentuale del 23%. L’autore della violenza è il marito nel 39% dei casi. La sua attività lavorativa è prevalentemente quella di operaio (36%). “Dallo studio preliminare è emersa la necessità di una campagna di sensibilizzazione tesa a consolidare la rete collaborativa tra i vari comparti che detengono ognuno per la propria parte un segmento di conoscenza statistica del fenomeno – ha detto la presidente dell’Osservatorio Rosaria Bruno – il fenomeno della violenza sulle donne potrà essere misurato con una maggiore accuratezza da un sistema di rilevazione che sappia integrare i dati diversificati per provenienza da fonti informative valide in modo da poter essere valido strumento per orientare il decisore politico in questo delicato settore”. I numeri “confermano la gravità del fenomeno in Campania. È importante lavorare per sostenere queste donne in difficoltà – ha evidenziato l’assessore regionale alle Pari opportunità e Formazione, Chiara Marciani – per questo motivo siamo impegnati come Regione Campania a rafforzare le risorse destinate ai centri anti violenza e alle case rifugio”.
“Noi valutiamo che l’impianto normativo, di cui si è dotato il nostro Paese, adeguato per consentire una risposta efficace al fenomeno drammatico della violenza sulle donne, che è un fenomeno strutturale, radicato, che cresce in un rapporto squilibrato tra uomo e donna – ha detto la presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul Femminicidio e sulla violenza di genere, Valeria Valente – non basta inasprire le pene, occorrono prevenzione e protezione, investire sull’educazione dei giovani e sulla formazione degli operatori, e sulla protezione, ad esempio con misure, come l’arresto, anche quando la violenza non avviene in flagranza”. Nel corso dell’iniziativa è stato anche presentato il software per la raccolta dati sulla violenza sulle donne per la presa in carico dei dati dinamici a cura dei Sistemi informativi del Consiglio regionale.