“Campania: il nostro posto”, Severino Nappi porta in scena il programma del centrodestra per le Regionali

769
In foto Severino Nappi

La politica a teatro per portare in scena storie e bisogni delle persone comuni. E’ l’idea che dà i natali al progetto “Campania: il nostro posto”, un contenitore di proposte che ha come scopo quello di costruire il programma del centrodestra per le prossime elezioni regionali in Campania. L’iniziativa è promossa da Sverino Nappi, già assessore al Lavoro della Regione Campania e attuale presidente dell’associazione Nord Sud e vice coordinatore di Forza Italia in Campania. L’appuntamento è fissato per domani, lunedì 18 novembre, alle ore 19 presso il Pala Partenope di Napoli. “Sul palco – evidenzia Nappi – andranno i problemi che ogni giorno i cittadini campani sono costretti ad affrontare e da qui partiremo per costruire una serie di proposte da inserire nel nostro programma per le Regionali. Ecco, se posso indicare un obiettivo dico che è sicuramente quello di costruire una coesione della nostra coalizione sui progetti da attuare prima ancora che sui nomi dei candidati”. Tra i grandi temi che il contenitore programmatico intende trattare rientrano, come evidenzia il suo promotore, “lavoro, servizi sociali, sanità, trasporti, rilancio della cultura e della filiera dell’agroalimentare”. Per costruire il programma del centrodestra campano “abbiamo messo insieme gente comune, imprenditori, professionisti, accademici, corpi intermedi, insomma tutto quanto è espressione della società civile perché vogliamo dare un messaggio forte e contrapporci idealmente al teatrino della politica che ormai ha stancato i cittadini”. E a proposito di idee per il futuro Nappi si sofferma sulla nuova programmazione dei fondi europei. “La Campania sarà destinataria di risorse finanziarie per un importo complessivo di 12 miliardi di euro. Una cifra enorme che se ben spesa può dare davvero uno slancio allo sviluppo della nostra regione. Ma noi abbiamo in mente di costruire una forte offerta nell’ambito dei servizi sociali, così da impedire che i cittadini, nel momento del bisogno, si sentano soli”. Alle prossime elezioni l’avversario principale del centrodestra sarà, con tutta probabilità, di nuovo Vincenzo De Luca. “Uno che ha fallito su tutti i fronti – attacca Nappi – perché dopo essersi candidato con lo slogan mai più ultimi ha portato la Campania in fondo a tutte le classifiche europee, da quella sugli occupati a quella relativa ai servizi socio sanitari. Per non parlare della spesa dei fondi europei, ferma al 18%, o dei trasporti che sono completamente bloccati con casi limite come quello della Circumvesuviana che, nei primi sei mesi del 2019, ha cancellato 2mila corse. In questa regione chiudono 137 aziende al giorno, 20 delle quali sono artigiane, abbiamo 400 crisi d’azienda aperte e 80 procedure di mobilità avviate dall’inizio dell’anno ad oggi. Il tutto senza che sia stata messa in campo, dall’amministrazione De Luca, una sola misura a sostegno delle imprese”. Sull’assetto del centrodestra, invece, le idee sono molto chiare. “Andremo uniti – precisa Nappi – e, se vogliamo, l’evento ‘Campania:il nostro posto’ è utile anche al fine di dare una ragione in più per stare insieme”.