Campania, l’assessore Caputo: Vareremo bandi per 601,5 mln e realizzeremo gli obiettivi Ue

87
in foto Nicola Caputo

“La proposta di modifica del Psr Campania per il biennio di espansione 21-22 che abbiamo presentato oggi è il risultato di un articolato e proficuo percorso di condivisione con gli attori dello sviluppo rurale, in particolare con le associazioni agricole, e di un confronto continuo e costruttivo con i servizi della Commissione Eu, che hanno dimostrato una sensibilità non comune e uno straordinario spirito di collaborazione. Una volta che la nostra proposta sarà approvata, metteremo in campo bandi per circa 601,5 milioni di euro nella cornice dei principi fissati dall’Unione per il periodo di transizione in linea con gli obiettivi ambientali e climatici e le nuove ambizioni stabilite nel Green Deal europeo”. Lo ha dichiarato Nicola Caputo assessore all’Agricoltura della regione Campania in apertura della seduta plenaria del Comitato di Sorveglianza svoltosi stamane in video conferenza e nel quale siedono i rappresentanti della Commissione europea, dei ministeri e del partenariato economico, sociale ed istituzionale – Oltre a potenziare gli sforzi, già notevoli, per le misure agro-climatico ambientali del Psr, – continua Caputo – metteremo a disposizione nuovi strumenti e corpose risorse delle imprese agricole e agroalimentari affinché possano agganciare, in modo più incisivo, la ripresa post-crisi da Covid-19 e salvaguardare i livelli di competitività e, di conseguenza, quelli occupazionali”.
“Con questa proposta di modifica del nostro Programma di Sviluppo Rurale – ha aggiunto l’assessore – avviamo l’impegnativo percorso verso la nuova programmazione 23-27 che dovrà saper leggere le esigenze delle molteplici tipologie di agricoltura che caratterizzano la Campania, valorizzando quanto di positivo è stato realizzato in questo ciclo di programmazione e, soprattutto, evitando le criticità registrate per alcune misure sulle quali, con il Presidente De Luca, stiamo lavorando in queste ore per individuare soluzioni concrete per accompagnare gli investimenti di tanti imprenditori che si trovano in situazione di overbooking”.