Campania: M5S, scatti L.Severino per consigliere condannato

49

(ANSA) – NAPOLI, 31 MAR – “La condanna a sei anni del consigliere regionale Carlo Iannace, eletto nella lista ‘De Luca Presidente’ e tra l’altro membro della Commissione Anticamorra, getta un’altra ombra sul Consiglio regionale della Campania”. Così il commento di Valeria Ciarambino, capogruppo consiliare del Movimento 5 Stelle. “Confidiamo che il Tribunale trasmetta al più presto gli atti alla Prefettura di Napoli per la sospensione secondo legge Severino di Iannace visto che è stato anche interdetto per 5 anni dai pubblici uffici”.
    Sulla stessa linea Vincenzo Viglione, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Anticamorra di cui fa parte anche lo stesso Iannace. “Non si fa in tempo a mettere in cantiere delle iniziative volte al ripristino della legalità – sottolinea – che ci tocca registrare la condanna di un membro della Commissione Anticamorra per reati che se confermati risultano gravissimi e rischiano di danneggiare le istituzioni che rappresentiamo”. (ANSA).
   

(ANSA) – NAPOLI, 31 MAR – “La condanna a sei anni del consigliere regionale Carlo Iannace, eletto nella lista ‘De Luca Presidente’ e tra l’altro membro della Commissione Anticamorra, getta un’altra ombra sul Consiglio regionale della Campania”. Così il commento di Valeria Ciarambino, capogruppo consiliare del Movimento 5 Stelle. “Confidiamo che il Tribunale trasmetta al più presto gli atti alla Prefettura di Napoli per la sospensione secondo legge Severino di Iannace visto che è stato anche interdetto per 5 anni dai pubblici uffici”.
    Sulla stessa linea Vincenzo Viglione, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Anticamorra di cui fa parte anche lo stesso Iannace. “Non si fa in tempo a mettere in cantiere delle iniziative volte al ripristino della legalità – sottolinea – che ci tocca registrare la condanna di un membro della Commissione Anticamorra per reati che se confermati risultano gravissimi e rischiano di danneggiare le istituzioni che rappresentiamo”. (ANSA).