Campania, mobilità integrata per rilanciare il turismo

137
in foto Ambrogio Prezioso

La Campania è una regione la cui economia potrebbe reggersi anche sul turismo. In diversi casi questo aspetto viene a mancare anche per la mancanza di trasporti locali degni di questo nome. Attraverso l’incontro “La mobilita’ integrata per favorire il turismo in Campania”, che si e’ tenuto questo pomeriggio presso la sede dell’Unione industriali Napoli, gli interlocutori presenti hanno provato a fare un bilancio della situazione attuale e di come poter favorire l’implementazione del turismo in questa regione. “Noi siamo la porta d’accesso internazionale di Napoli e della Campania. Questa e’ la nostra vocazione. Questo e’ il nostro lavoro principale su cui siamo focalizzati, ampliando sempre piu’ le rotte, aumentando le opportunita’ di mobilita’ per i nostri cittadini e per il turismo per i nostro operatori economici”, dice l’ad di Gesac Armando Brunini, il quale aggiunge che “siamo sensibili alla mobilita’ integrata nel territorio. E’ importantissimo, affinche’ noi possiamo funzionar bene, che la mobilita’ interna sia migliorata rispetto ad oggi. Credo sia urgente lavorare in questo senso”. Importante in questo senso sarebbe il collegamento della linea metropolitana con l’aeroporto, progetto previsto, ma che ancora non e’ decollato.
Questione, quest’ultima, sollevata anche dal presidente dell’Unione industriali Napoli, Ambrogio Prezioso, che sottolinea come, anche se sono stati fatti passi in avanti e’ necessario che “la metropolitana arrivi a Capodichino, ma deve raggiungere anche il porto, porto per il cui miglioramento sono state avviate delle gare”. Prezioso spiega che “il turismo e’ la quinta o la sesta gamma di quell’industria che sta crescendo e che cresce anche un po’ piu’ della media del nostro Paese”. Il turismo e’ in crescita per una serie di fattori importanti, ma la strada per il confronto con le altre citta’ europee e’ ancora lunga. “Oggi si fa il punto su quella che e’ l’esigenza di questo territorio per meglio accogliere il turismo, considerato che Napoli e la Campania hanno tanto da far vedere, ma mancano le infrastrutture. Credo che sia importante il confronto con tutte le istituzioni che in Questo momento partecipano allo sviluppo di questa citta’”, dice il presidente di Odcec Napoli, Vincenzo Moretta. All’iniziativa, promossa dall’associazione imprenditoriale e dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili del circondario del Tribunale di Napoli, hanno preso parte, tra gli altri, il presidente della IV Commissione Consiglio regionale della Campania, Luca Cascone, ilpresidente dell’Autorita’ di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, Pietro Spirito, il presidente di Federalberghi Napoli, Antonio Izzo.