Campania, ecco il Piano triennale anti-roghi: in campo 30 mln e 5mila uomini

93

Uno stanziamento complessivo di 28,5 milioni di euro e un impiego di quasi 5mila uomini. Sono i numeri del piano antincendi triennale (2018-2020) messo a punto dalla Regione Campania per contrastare il fenomeno degli incendi boschivi, soprattutto in termini di prevenzione. Un modello operativo avviato già ad ottobre dello scorso anno con il coinvolgimento di Parchi nazionali e regionali, comunità montane, prefetture e vigili del fuoco ma le cui attività sono state estese nel periodo di massima allerta, dal 15 giugno al 30 settembre. “Lo scorso anno – ricorda il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in conferenza stampa – abbiamo assistito a una tragedia immane. Tremila incendi in tutta la Campania e 13mila ettari di boschi andati a fuoco. E’ stato un evento di portata incredibile, con aree percorse dal fuoco, dal Vesuvio al Faito ad altre zone della Campania, fino a novembre inoltrato. Questo piano vuole essere anche una risposta a quegli accadimenti, dobbiamo lavorare tanto sulla prevenzione: l’importante è prepararsi per tempo e quest’anno siamo pronti a fronteggiare qualsiasi situazione, augurandoci che non abbia le proporzioni dello scorso anno”.
E’ previsto uno stanziamento regionale di 9,5 milioni di euro per il contrasto agli incendi e di 10 milioni per le attività di prevenzione, molte delle quali gia’ svolte nel corso del 2018. Nel periodo di “non massima pericolosita’”, infatti, sono state avviate operazione di ripristino delle aree boschive percorse dal fuoco e la mitigazione del rischio di incendio nelle aree piu’ esposte. Sono stati privilegiati criteri ecologici e di selvicoltura naturalistica per ricostruire la vegetazione ed effettuati altri interventi come la creazione ex novo di viali o fasce tagliafuoco o fitosanitari, con i lavoratori di Sma Campania impegnati a ripulire il sottobosco. Sono previsti interventi nell’arco di tutto l’anno nei Comuni a rischio delle 5 province della Campania, con la possibilita’ di estendere le aree comprese nel piano. La Regione metterà a disposizione 350 unita’ del proprio personale che affiancheranno il lavoro di 500 volontari della protezione civile, 3600 vigili del fuoco e 500 carabinieri forestali. Disponibili 5 mezzi speciali della protezione civile, 16 mezzi di Sma Campania, 7 aeromobili, 3 polisoccorso, 2 autopompe e 50 mezzi in dotazione delle associazioni di volontariato. E’ inoltre attivo il numero della sala operativa regionale 800232525 che opera h24 sostituendo le sale operative provinciali (attive 12 ore al giorno) nelle attivita’ di presidio notturno. Sono già in essere, poi, convenzioni ad hoc con vigili del fuoco, carabinieri forestali e associazioni di volontariato, attori principali del piano antincendi. “E’ uno sforzo tecnologico, umano e organizzativo importante. Ora – conclude il governatore De Luca – occorre anche una sensibilizzazione forte affinche’ pure i cittadini facciano la propria parte”.