Campania zona gialla ma tavolini vuoti ai Caffè e saldi a rilento. Riparte anche la scuola fino alle seconda elementare

137

La Campania si è risvegliata oggi in zona gialla ma la circostanza non sembra aver cambiato di molto le abitudini dei cittadini del capoluogo, che hanno disertato i tavolini dei Caffè del centro e non si sono per ora recati in massa a far visita ai negozi, che da oggi e fino all’11 marzo saranno in regime di saldi. Ripartita anche la scuola in presenza, seppure sino alle seconda elementare, mentre dal 18 gennaio dovrebbe riprendere l’attività per le classi terze, quarte e quinte della primaria. Dal 25 gennaio, invece, ritorno in aula per gli studenti delle medie e delle superiori. Ma si tratta, almeno per il momento, di una mera indicazione, perché tutto potrebbe cambiare sulla scorta dell’analisi dei nuovi dati epidemiologici. Dati che dovrebbero presumibilmente contenere anche i riflessi delle vacanze natalizie, in cui le frequentazioni, seppure in famiglia e disciplinate da norme statali e regionali, sembrano esser state comunque massicce.
Riaprono oggi anche i ristoranti, oltre ai bar, dove sarà possibile il consumo ai tavoli fino alle ore 18. La zona gialla, almeno fino a venerdì prossimo, indurrà diversi operatori economici ad alzare le saracinesche dopo che in tanti avevano rinunciato a farlo la scorsa settimana visto che era stato ritenuto non conveniente farlo per soli due giorni. Lo stesso De Luca ha emanato un richiamo per sottolineare che nei ristoranti non più di quattro persone potranno pranzare allo stesso tavolo.
Il Governo, intanto, prepara il primo provvedimento del 2021 con nuove limitazioni e una stretta in particolare sulla movida, arrivata dopo gli ultimi episodi di assembramenti e feste illegali, vietando l’asporto dai bar a partire dalle 18 ed estendendo il divieto di spostamento tra regioni anche nelle zone gialle, così come avvenuto dalle feste di Natale ad oggi. Ma sul tavolo c’è anche la possibilità di istituire una zona bianca, seppur difficile da raggiungere (servirebbe un Rt sotto 0.5), in cui poter riaprire tutto senza limitazioni e la possibilità di riaprire i musei, ma soltanto nelle Regioni gialle.