Campari cede alla Lucano per 7 milioni

51

La multinazionale Campari non è più proprietaria del marchio Limoncetta di Sorrento. In questi giorni viene perfezionata la cessione dell’azienda, per 7 milioni di euro, alla Lucano 1894, società che detiene La multinazionale Campari non è più proprietaria del marchio Limoncetta di Sorrento. In questi giorni viene perfezionata la cessione dell’azienda, per 7 milioni di euro, alla Lucano 1894, società che detiene già il prestigioso brand Amaro Lucano. Oltre al business in sé la Campari cede anche la Alimenta, una società a responsabilità limitata titolare dello stabilimento in cui il liquore Made in Sorrento viene prodotto. Per il momento Campari e Lucano definiscono solo i contorni economici dell’operazione, che viene conclusa a gennaio. Fino al mese di dicembre del 2015, però, l’imbottigliamento del Limoncetta continua ad essere appannaggio della Campari, che affida l’opera al suo stabilimento di Finale Emilia. Il marchio Limoncetta entra nel gruppo Campari nello scorso mese di giugno, quando la multinazionale italiana del drink rileva il gruppo Averna e con esso, oltre al liquore campano, l’omonimo amaro e il Braulio. Con il trasferimento alla Lucano il Limoncetta torna nelle mani di imprenditori meridionali.