Campi Flegrei, scoperta la camera magmatica che alimenta il supervulcano

489

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori composto da Luca De Siena dell’Università di Aberdeen in collaborazione con l’Osservatorio Vesuviano Ingv, il laboratorio Rissc dell’Università degli Studi di Napoli e l’Università del Texas a Austin, afferma di aver scoperto, con sufficiente precisione, l’esatto luogo in cui potrebbe trovarsi la “zona calda” che alimenta il temibile supervulcano dei Campi Flegrei. La ricerca è stata pubblicata su Scientific Reports.

Fino a poche settimane fa non era noto dove si trovasse esattamente la camera magmatica che riscalda i materiali che si trovano poco sotto la caldera dei Campi Flegrei. Ora la situazione è ben diversa grazie ad alcune tecniche sismologiche che utilizzano piccole cariche per produrre micro-terremoti artificiali nel sottosuolo. Queste micro-onde sismiche sono in grado di “dipingere” agli occhi degli strumenti le caratteristiche delle rocce della caldera e proprio grazie a questa capacità è stato possibile localizzare la camera magmatica dei Campi Flegrei.