Canada, l’italiana Duranti alla guida del progetto sugli archivi digitali: conferenza a Roma

85

Come si conserva un documento nell’epoca della sua riproducibilità digitale? Come si garantisce la sua autenticità e integrità, chi deve essere nel tempo custode e responsabile della sua corretta archiviazione? Sono alcune delle domande che Luciana Duranti, professore ordinario alla British Columbia University di Vancouver, ha affrontato nella conferenza dedicata al tema degli archivi digitali e alle nuove sfide della conservazione, proposta dalla Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturali e dall’ANAI (Associazione Nazionale Archivistica Italiana) e ospitata dall’Archivio di Stato di Roma, presso il Complesso di Sant’Ivo alla Sapienza, ieri mattina, a Roma.

Al centro dell’incontro i risultati del progetto InterPARES (International Research on Permanent Authentic Records in Electronic Systems), che ha avuto inizio 20 anni fa presso l’università canadese per la conservazione a lungo termine degli archivi digitali. Scopo del progetto è sviluppare le conoscenze teoriche e metodologiche essenziali alla conservazione permanente dell’autenticità dei documenti archivistici prodotti o mantenuti elettronicamente e, sulla base di queste conoscenze, formulare indirizzi modello, strategie e standards che possano assicurare tale conservazione.

Luciana Duranti è professore ordinario di archivistica, diplomatica e conservazione digitale presso la School of Library, Archival and Information Studies dell’Università del British Columbia; è direttore del Centre for the International Study of Contemporary Records and Archives, e di InterPARES, un progetto sulla conservazione dell’autenticità dei documenti digitali finanziato per 20 anni dal Social Sciences and Humanities Research Council of Canada.

In nuove vesti, quello di Luciana Duranti all’Archivio di Stato di Roma è un ritorno (vi ha lavorato all’inizio della sua carriera, dal 1978 al 1981) per riflettere sulla conservazione a lungo termine degli archivi digitali e per presentare il bilancio dell’iniziativa InterPARES a vent’anni dal suo avvio.