Cancro e malattie croniche, Codacons: Sanità a due velocità, situazione inaccettabile

78
in foto Carlo Rienzi, presidente Codacons

Disuguaglianze sociali inaccettabili e vergognose per un paese civile, e un’Italia che viaggia a due velocità sul fronte della salute. Lo afferma il Codacons, commentando i risultati del Rapporto Osservasalute che attesta come nelle regioni del sud, specie in Campania, si registri un tasso di mortalità per tumori e malattie croniche superiore fino al 28% rispetto al Nord Italia.
“Alla base di tale divario enorme e che attiene alla vita e al benessere dei cittadini, c’è la difficoltà di accesso a servizi sanitari efficienti per una consistente fetta di popolazione residente nel sud Italia – denuncia il presidente Carlo Rienzi – Eppure chi risiede nel Mezzogiorno contribuisce al pari degli altri cittadini a finanziare il Ssn attraverso le tasse, ricevendo in cambio meno servizi e di qualità peggiore rispetto al nord”.
“L’Italia non è in grado di garantire lo stesso livello sanitario a tutti i cittadini, e in questo la politica ha fallito miseramente creando disparità inaccettabili sul territorio – prosegue Rienzi – Per questo proponiamo di ridurre in modo proporzionale la quota di tasse relativa al settore sanitario a quei cittadini che risiedono in Campania e nelle regioni del sud dove la mortalità per malattie come i tumori registra numeri superiori rispetto alla media nazionale”.

GUARDA ANCHE
Cancro e malattie croniche, al Sud si muore di più: maglia nera alla Campania