Cantone dribbla la politica: Dopo l’Anac torno a fare il magistrato

74

Il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, confessa che ha pensato a una possibile candidatura a sindaco di Napoli ma annuncia che alla scadenza alla sua nomina all’Autorità Anti Corruzione, nel aprile 2020, tornerà in magistratura. Rispondendo alle domande del giornalista Ottavio Ragone, alla festa dei Giovani Democratici di Somma Vesuviana (Napoli), Cantone ha detto: “Se domani fosse il 28 aprile 2020 le direi quello che voglio fare, tornare a fare il magistrato”.  Secondo Raffaele Cantone, la scelta della politica “non permette di tornare indietro e non si può tentare, dopo un’esperienza politica, di prendere la borsa e andare di nuovo in tribunale”. “Quanto alle voci di una mia candidatura a sindaco di Napoli, – ha ammesso Cantone – confesso che ogni tanto ci ho pensato, anche perché sarebbe un’esperienza eccezionale e affascinante: Napoli è piena di contraddizioni ma anche di cose belle”. Quanto al giudizio sullo stato della città, per Cantone, “Napoli ha fatto dei passi in avanti sul piano dell’immagine. Se vogliamo dire che i problemi sono stati risolti, allora non credo. Un giudizio a 360 gradi è fatto di luci e ombre – ha concluso il presidente dell’Anac – nei quartieri periferici il livello di vita è rimasto uguale. Ma l’immagine di Napoli non è quello che Gomorra continua a trasmettere”.