Capodanno, video choc di Geolier: incita la ragazza a sparare dal balcone. Il rapper: Pistola finta

74

Capodanno tra le polemiche per il noto rapper napoletano Geolier, pseudonimo del 21enne di Secondigliano Emanuele Palumbo, artista conosciuto e apprezzato in Italia e all’estero e ormai da qualche tempo stabilmente nella parte alta delle classifiche musicali nazionali. A scatenare l’ondata di dissenso da parte dell’opinione pubblica è stato un video di circa 20 secondi pubblicato dallo stesso Geolier sui social network: le immagini risalgono alla notte di San Silvestro e ritraggono il rapper mentre, avvinghiato a una ragazza che impugna una pistola (scacciacani ndr), la incita a esplodere dei colpi in area. Quattro gli spari che si sentono e che hanno fatto il giro del web sollevando un polverone per il messaggio e il cattivo esempio che consegnano alle nuove generazioni e ai tanti fan dell’artista partenopeo. Diversi i messaggi di denuncia, a partire da quello del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli che per primo ha commentato il video. Sull’accaduto è arrivato anche una dichiarazione congiunta dei gruppi Forza Italia e Catello Maresca del Consiglio comunale di Napoli: “La storia di Geolier è quella di un riscatto: partendo da Secondigliano, grazie al suo talento musicale, ha dimostrato che con l’impegno si possono ottenere risultati importanti. Ma ora rischia di rovinare tutto dando cattivi esempi” si legge nella nota inviata agli organi di informazione.
“Festeggiare il Capodanno invitando a sparare dei colpi di pistola è un comportamento sbagliato, pericoloso e da censurare. Postare questa scena sui social è degradante per lui e l’intera città. È stata una nota sbagliata, una stecca clamorosa che non può giustificare dicendo di aver usato una scacciacani. Geolier sa bene che è un modo di festeggiare che ricalca un modello malavitoso che bisogna combattere. Ora si renda conto del modello sbagliato che ha proposto a chi lo segue, si assuma le sue responsabilità e chieda scusa. Il Comune, dal canto suo, dia un seguito serio all’ordinanza del 30 dicembre e non esiti a multarlo. Le immagini che ha postato sono evidenti: ha contravvenuto a quanto ordinato dal sindaco. Certi comportamenti – conclude la nota – non sono più tollerabili se vogliamo davvero una città migliore”.
In un lungo post, diffuso sempre a mezzo social, è arrivata anche la risposta alle accuse da parte di Geolier che dice di “sentirsi stanco di essere strumentalizzato”. “Capisco che il gesto può sembrare brutto, e magari di questo mi scuso verso le persone più sensibili e impressionabili, ma oltre ad essere evidente ho anche scritto e specificato che la pistola fosse finta – prosegue il rapper – Non capisco il perché di tutto questo clamore. Per tanti ragazzi sono un esempio, e proprio perché ne sono consapevole della responsabilità che mi porto sulle spalle a 20 anni, non sarei mai così stupido da deludere le persone che mi seguono. Il resto sono chiacchiere da bar fatte da persone che pensano che il male si combatta sorridendo su un manifesto o sui social. Io lo combatto mettendomi a disposizione delle persone tutti i giorni. Concretamente, perché non ho bisogno di consensi. Chi mi attacca può dire lo stesso? Non aggiungerò altre parole in merito. Sono sicuro che chi mi supporta sa bene chi sono e lo vedo leggendo centinaia di persone che mi difendono. Mi basta questo. Buona giornata a tutti” chiosa Geolier che si congeda tornando a parlare di musica con un annuncio per i fan: “Sto facendo il disco”.