Capodimonte, in mostra gioielli in porcellana

88

Si è inaugurata ieri presso il Cellaio del Real Bosco di Capodimonte la mostra “Tópoi. Gioielli in porcellana, artigianato, moda e design”.
Tradizione e innovazione si fondono nei pregiati gioielli disegnati da Valter De Luca e realizzati rigorosamente a mano dai maestri ceramisti Armando Del Giudice, Rocco Rossi, Ferdinando Serafino e Antonio Viscusi con la collaborazione degli allievi dell’istituto Castelli e il prezioso aiuto di Sandra Dipinto. La tradizione è quella rappresentata dalla ceramica di Capodimonte resa attuale attraverso l’inserimento di materiali contemporanei, dal pvc al neoprene, dai tubi in rame a scampoli di tessuti.
Alla base di questa operazione vi è la volontà, come dichiarato da De Bartolomeis, dirigente dell’istituto Castelli, “di rilanciare la real manifattura di Capodimonte e quindi l’intera filiera produttiva”.
Il titolo della mostra anche se rimanda aI tópoi, ai luoghi comuni, al tempo stesso li smentisce: se, infatti, è un luogo comune quello di vedere i gioielli realizzati con materiali tradizionali, in questo caso si vuole raccontare una relazione insolita quella tra la porcellana e i gioielli, apparentemente distanti. La mostra è realizzata in collaborazione con il Museo e Real Bosco di Capodimonte e mira come sottolineato dal direttore Sylvain Bellenger “a celebrare una tradizione e parlare di una rinascita quella dell’istituto Castelli e a riportare la porcellana ai suoi massimi splendori”.
La mostra sarà visitabile da venerdì 23 a domenica 25 febbraio, dalle ore 10.00 alle ore 15.00, e inaugura solo il primo dei tanti appuntamententi pesanti per questo nuovo anno.