Capotreno rimprovera straniero perché senza mascherina: preso a calci e pugni

36

Un capotreno è stato aggredito a calci e pugni da un passeggero di origine straniera richiamato poiché senza mascherina. E’ successo ieri nel tardo pomeriggio sul regionale 3924 Rimini – Milano di Trenitalia Tper all’altezza di Modena. Il ferroviere, a causa delle ferite riportate, è stato ricoverato in Pronto Soccorso. “Sono atti di violenza inaudita – dice Aldo Cosenza, segretario generale di Fit Cisl Emilia-Romagna – che purtroppo nelle nostre stazioni, se trascurati, rischiano di diventare la norma”. Si tratta, prosegue il sindacalista, di una “situazione indecorosa per un paese civile. Da tempo denunciamo le forti criticità sui treni e nelle stazioni, dove il personale affronta situazioni altamente rischiose, e da tempo chiediamo un supporto indispensabile da parte delle aziende di trasporto e delle Istituzioni. E’ sempre più evidente come le misure finora adottate per garantire la sicurezza di utenti e lavoratori siano del tutto insufficienti, ed ancora una volta siamo costretti a ribadire la necessità di un intervento deciso da parte di tutti gli attori coinvolti. Una presa di posizione netta che nelle stazioni e sui mezzi di trasporto, una volta per tutte, vada a rafforzare sia la presenza della protezione aziendale sia della Polizia”.