Capri e Costiera sono il top
Lo dicono i buyers stranieri

15

Costiera Amalfitana e Isola di Capri si confermano i luoghi della Campania più ambiti dai turisti stranieri. Lo rivela un’analisi dell’Osservatorio Bmt presentata a Napoli nel corso dell’inaugurazione della diciannovesima Borsa Costiera Amalfitana e Isola di Capri si confermano i luoghi della Campania più ambiti dai turisti stranieri. Lo rivela un’analisi dell’Osservatorio Bmt presentata a Napoli nel corso dell’inaugurazione della diciannovesima Borsa Mediterranea del Turismo. L’indagine rivela come le due perle della Campania abbiano visto crescere il proprio appeal fra il 2008 e il 2015 conquistando ambedue il 30 per cento dei consensi dei buyers interpellati. Costiera e Isola Azzurra sono inseguite da Sorrento, che fa segnare un gradimento che passa dal 12 al 15 per cento. In rialzo anche le quotazioni del Cilento che passa dal 4 al 5 per cento nello stesso periodo mentre in sorprendente controtendenza è Pompei che rispetto al 2008 scende dall’11 al 10 per cento. Fra le motivazioni che mettono la Campania al centro dell’attenzione dei mercati esteri, l’enogastronomia registra una forte crescita divenendo il principale fattore di attrattiva territoriale (dal 18 per cento del 2008 al 64 per cento del 2015). In forte calo invece l’attrattiva delle risorse naturali che passa da un 56 per cento del 2008 all’11 per cento del 2015. Trend negativo anche per tradizione e cultura che passano dal 26 per cento del 2008 al 16 per cento del 2015, considerando insieme siti culturali (5 per cento), storia e cultura (5 per cento) e siti Unesco (6 per cento). Criminalità, traffico, città sporche, prezzi troppo alti e scarsità di posti auto gli elementi negativi segnalati dagli operatori turistici internazionali. Lo studio è realizzato da Valentina Della Corte, docente di Economia e gestione delle imprese presso l’università partenopea Federico II, e si base su interviste con gli operatori internazionali del turismo.