Capri, finto diplomatico frequenta alberghi e ristoranti di lusso: tradito dalla carta di credito è arrestato

158
in foto Capri

La sua capacità di fingere è tale che persino davanti ai carabinieri arrivati per arrestarlo ha continuato a sostenere la parte che si aveva creato per regalarsi una vacanza da sogno. Il suo conto, infatti, solo nell’albero a cinque stelle di Capri in cui ha soggiornato era già a 10mila euro, e altri 4.500 euro li ha spesi in noleggio barche con skipper. Peccato che bonifici e strisciate di carta di credito fossero fasulli, così come lui era un falso diplomatico.
Oltre all’albergo, uno dei più noti sull’isola, La Scalinatella, l’uomo ha anche frequentato locali e ristoranti di lusso, tra Capri, la costa Amalfitana e quella Sorrentina. M.P., 30enne croato già noto alle forze dell’ordine per vicende analoghe, deve rispondere di truffa e false attestazioni sulla propria identità. La sua vacanza, che secondo la prenotazione terminava domani, è stata interrotta da varie segnalazioni di pagamenti non andati a buon fine. Secondo quanto ricostruito dalle indagini dei militari dell’Arma, il 31enne aveva fornito durante il check-in in hotel un documento d’identità falso e quando è arrivato il momento di saldare il conto ha informato la direzione di aver disposto un bonifico, mostrandone la ricevuta di presa in carico. Con lo stesso trucco ha noleggiato alcune barche complete di equipaggio e visitato i luoghi più affascinanti dell’isola e delle vicine costiere. Ora è in attesa di giudizio.