Capri in lutto: addio a Vittoria “Scialapopolo” 

41
Piazzetta triste stamattina a Capri per la scomparsa di una delle discendenti della tarantella Scialapopolo. Vittoria Spataro, 82 anni, una delle figlie del mitico Costanzo che inventò la tarantella a Capri negli anni della tradizione, nel 1925, si è spenta a 82 anni e con lei va via un altro pezzo di quella Capri semplice, di una genìa di capresi conosciuti in tutto il mondo. Quando arrivò lo sfratto del suo chiosco in via Quisisana che vendeva gelati e granite si mobilitò tutto il paese e a firmare la petizione fu anche Giorgio Napolitano, in mezzo a tanti giovani legati a quel posto. Ed erano molti i personaggi e volti noti del mondo del cinema e della televisione che si facevano fotografare davanti a quel chiosco con donna Vittoria. La tarantella degli Scialapopolo è entrata ormai nel mito delle tradizioni capresi e dei gruppi folkloristici, fatta da amatori, appassionati ma dediti ad altre attività, e tra i componenti anche i bambini appartenenti alle ultime generazioni degli Scialapopolo che imparano l’arte dell’antica danza che a Capri si esibisce nelle ultime giornate dell’anno, nella piazzetta e nelle feste private dei tanti personaggi che frequentano l’isola. Ad accompagnare Vittoria insieme ai figli Costanzo e Mauro e tutti i nipoti, c’erano i componenti della banda in abiti tradizionali che continueranno la tradizione della tarantella e che porta in giro per il mondo il folklore caprese.