Capri, modifica dell’art.119: parte la raccolta firme

20
In foto Gianni De Martino, sindaco di Capri

Sono quattro i punti di raccolta firme allestiti nel Comune di Capri per il progetto di legge di iniziativa popolare che prevede la modifica dell’articolo 119 della Costituzione, allo scopo di far riconoscere allo Stato la situazione di diversità e svantaggio in cui versano le popolazioni dei comuni delle piccole isole. La campagna è stata avviata dall’associazione nazionale isole minori (Ancim) e vede l’adesione dell’amministrazione di Capri. Secondo i proponenti l’articolo 119, dopo il quinto comma, dovrà prevedere l’inserimento del seguente testo: “Lo Stato riconosce il grave e permanente svantaggio naturale derivante dall’insularità e dispone le misure necessarie a garantire una effettiva parità ed un reale godimento dei diritti individuali e inalienabili”. “L’iniziativa – spiega il sindaco di Capri Gianni De Martino – è di fondamentale importanza per ottenere il riconoscimento di pari opportunità e pari diritti dei cittadini isolani rispetto a quelli del resto della nazione. Solo con tale riconoscimento i problemi in materia sanitaria e ospedaliera, della scuola, dei lavoratori, del turismo, degli uffici pubblici e di tanti altri settori potranno trovare una adeguata soluzione”. A Capri si potrà firmare all’ufficio anagrafe, all’ufficio protocollo, al comando di polizia municipale e nell’ufficio della segreteria del sindaco.