Capri nel mondo illumina Hollywood
Fest per Turturro, Minnelli e Kimmel

44

Tempo instabile con probabili schiarite, in una parola “Tips”, una metafora delle condizioni economiche e politiche dell’Italia per l’ultimo film di Marco Pontecorvo che sarà presentato Tempo instabile con probabili schiarite, in una parola “Tips”, una metafora delle condizioni economiche e politiche dell’Italia per l’ultimo film di Marco Pontecorvo che sarà presentato in anteprima mondiale alla decima edizione del “Los Angeles, Italia – Film, Fashion and Art fest” domenica 15 febbraio. Il festival, promosso al Chinese Theatre di Hollywood dall’Istituto Capri nel mondo, porta il cinema italiano nell’olimpo della settima arte proprio durante la settimana che precede la notte degli Oscar. Nel cast un napoletano d’adozione, John Turturro che, accanto a Luca Zingaretti e Lillo/Pasquale Petrolo, è al centro di una commedia divertente ma anche amara sulla piaga attuale della disoccupazione e sulle contraddizioni dell’Italia. Pura conferma di un sodalizio già consolidato: Pontecorvo, tra i più sofisticati e richiesti direttori della fotografia a livello internazionale, e Turturro hanno lavorato assieme anche in “Passione”, il docu-musical che ha riacceso i riflettori di tutto il mondo sulla canzone napoletana. L’attore e regista di origini baresi è solo uno dei tanti italoamericani protagonisti della rassegna organizzata da Pascal Vicedomini. Tra i nomi di spicco, un volto -icona della televisione made in Usa, il quarantasettenne Jimmy Kimmel, conduttore sull’Abc del seguitissimo talk-show in seconda serata “Jimmy Kimmel Live!”, soprannominato per l’enorme successo di pubblico e le battute pungenti “the biggest badass on tv”. All’uomo più “tosto” della televisione statunitense – la sua famiglia proviene dall’isola di Ischia – andrà l’Award of Excellence. A Liza Minnelli sarà assegnato, invece, il premio Jack Valenti Legend Award, riconoscimento dedicato allo storico presidente della Motion Picture Association of America. “Siamo estremamente onorati e felici di premiare la divina Liza, una delle più grandi artiste di tutti i tempi – spiega Vicedomini -. In particolare proprio durante questa edizione dedicata a The Voice Frank Sinatra nel centenario della sua nascita. Ricordiamo i suoi duetti con Liza e Sammy Davis Jr, entrati nella storia della musica. Ebbi modo di conoscere tutti e tre al PalaTrussardi di Milano nel 1987. Un incontro che ha fortemente ispirato la mia carriera verso Hollywood”. Il Valenti Award, consegnato “ogni anno adun eccezionale italo-americano che ha dato un contributo significativo all’industria dello spettacolo mondiale”, è stato vinto da miti hollywoodiani come Al Pacino e Anjelica Huston. “Sono molto felice di questo premio dall’Italia – commenta Liza Minnelli -.Ho avuto la fortuna di vederemiopadreVincenteMinnelli dirigere grande cinema e da lui ho ricevuto due cose meravigliose: lamia passione per il cinema e lamia eredità italiana. Sia Jack Valenti sia mio padre sono stati dei pionieri e, spero, oggi sarebbero orgogliosi della mia carriera”. Il fest si conclude sabato 21 febbraio, un giorno prima della magica serata degli Academy Awards, e ha in programma omaggi a Francesco Rosi e Dino Risi e oltre 50 proiezioni di pellicole contemporanee.