Capri, ordinanza del sindaco per Carnevale: stop alla vendita di bombolette spray

71
In foto Gianni De Martino, sindaco di Capri

Il sindaco di Capri Gianni De Martino, a tutela della pubblica incolumità, dell’ordine pubblico e del decoro urbano, ha firmato un’ordinanza con la quale nell’intero periodo di carnevale ha disposto il divieto di porre in vendita, sul territorio comunale, bombolette spray imbrattanti, fialette a base di componenti maleodoranti e scherzi a base di inchiostro e il divieto della loro detenzione e utilizzo su spazi pubblici e aperti al pubblico. Si tratta di prodotti che, usati con particolare leggerezza ed imperizia soprattutto su luoghi pubblici e soprattutto da minori, illustra il sindaco nell’ordinanza, “possono arrecare danni alla respirazione e funzione visiva delle persone, anche in maniera irreversibile, ai beni mobili ed immobili loro appartenenti, all’ambiente ed al patrimonio immobiliare artistico, storico, architettonico, culturale e, più in generale, del decoro urbano della Città di Capri”. L’ordinanza vieta, dal 7 febbraio al 13 febbraio: l’acquisto, la vendita e la distribuzione, sia negli esercizi in sede fissa che su area pubblica, di bombolette spray imbrattanti, fialette a base di componenti maleodoranti e scherzi di carnevale a base di inchiostro e altri prodotti similari; la detenzione e l’utilizzo, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, di questi prodotti e materiali e di quelli che, comunque, concorrono ad imbrattare o recare danno a persone, cose, beni mobili ed immobili del territorio comunale di proprietà pubblica o privata. E’ consentita invece la vendita e l’utilizzo di bombolette spray coriandoli. La violazione alle disposizioni contenute nel provvedimento comporta l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro, fatta salva l’applicazione delle ulteriori sanzioni stabilite per illeciti amministrativi o penali concorrenti, eventualmente accertati Per eventuali danni causati da persona minore o incapace, la sanzione sarà applicata ai genitori o al genitore esercente la patria potestà. Per i controlli sono incaricati gli agenti della forza pubblica ed il comando di Polizia Municipale.