Carceri: giudice Di Lello, ‘Renzi ha goldenshare su mozione sfiducia e la usa, vicenda grave’

40

Palermo, 19 mag. (Adnkronos) – Sulla mozione di sfiducia al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, in calendario domani al Senato e presentata dal centrodestra, l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi “ha la goldenshare” e “la usa per lo ‘sviamento dei poteri,’ come si dice in diritto amministrativo…”. Ne è convito il giudice Peppino Di Lello, ex capo dell’Ufficio Istruzione di Palermo, per anni nel pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, in cui fu giudice istruttore. In una intervista all’Adnkronos, Di Lello, che è stato anche consulente della Commissione parlamentare antimafia tra il 1992 e il 1994 e deputato nazionale, dice che la vicenda che approda domani al Senato, sulla nomina del capo del Dap nel giugno 2018 e la polemica tra lo stesso Guardasigilli e l’attuale consigliere del Csm Antonino Di Matteo, “è molto grave”, “da qualunque parte la si guarda”.