Carenza di vaccini, due centri chiusi a Napoli. Trama: A giugno 60/70 mila iniezioni al giorno

32
in foto l'hub vaccinale presso la Stazione Marittima a Napoli (Imagoeconomica)

Carenza di vaccini, due centri chiusi a Napoli. Trama: A giugno 60/70 mila iniezioni al giorno
Sono chiusi per carenza di vaccini i due principali hub di Napoli, quello allestito dalla Asl Napoli 1 Centro nella Mostra d’Oltremare e quello interaziendale, che serve cioè Asl Napoli 1 Centro, Asl Napoli 2 Nord e Asl Napoli 3 Sud, nell’hangar messo a disposizione dalla Atitech nei pressi dell’aeroporto di Capodichino. Le attività di vaccinazione però, assicura Ugo Trama dell’Unità di crisi regionale, “non sono sospese. Tutto quanto programmato – ha spiegato in un incontro con la stampa – è stato trasferito negli altri centri. Ovviamente oggi, con le dosi disponibili, avremmo potuto fare 10mila vaccini in più”. Secondo Trama questo stop “non impatterà sulla campagna vaccinale”. “Non ridimensioniamo il nostro target – continua Trama -, sarebbe un fallimento dell’Italia. Con le dosi aggiuntive che stanno contrattualizzando, come riferito dalla struttura commissariale, per giugno il target che noi ci siamo posti e abbiamo comunicato è di 60 mila somministrazioni al giorno. Arrivare a 60-70mila con le dosi di vaccino necessarie, grazie all’organizzazione che ci siamo dati, diventa facile”. “Ci aspettiamo i vaccini a mrna messaggero (cioè Pfizer e Moderna,ndr) che, tra l’altro, sono i vaccini contrattualizzati maggiormente in Europa. Ci aspettiamo queste tipologie di vaccini ed è notizia di poco fa – ha aggiunto – che a giugno ci sarà un aumento delle dosi di Pfizer. Questo ci dà anche quella tranquillita’ di poter lavorare rispettando gli standard”. Già mercoledì è previsto l’arrivo in Campania di 215mila dosi di Pfizer. “E’ un numero ancora insufficiente – ha osservato Trama – ma a Pfizer si aggiungono anche 35mila dosi di Moderna in arrivo dopo qualche giorno. Infine, dosi di Johnson and Johnson, ma in quantità limitata, che stiamo usando per le persone da intercettare una sola volta in quanto è un vaccino monodose. Lo stiamo usando, ad esempio, negli istituti penitenziari e saranno quelli che andranno alle farmacie, dove prevediamo di iniziare tra fine maggio e inizio giugno”. “Sono numeri non ancora rassicuranti rispetto all’obiettivo che ci siamo dati, pero’ la struttura commissariale ha assicurato l’arrivo di 100mila dosi aggiuntive in Campania per superare la sperequazione. Queste 100 mila dosi – ha sottolineato Trama – arriveranno nel mese di maggio ma con una fornitura settimanale, quindi non arriveranno con una sola fornitura tutti insieme”.