Carte aziendali: è meglio scegliere quelle di credito o di debito?

95

Molti professionisti ed aziende per una migliore gestione finanziaria scelgono oggi di utilizzare per i pagamenti legati al proprio lavoro le carte di pagamento aziendali. Queste oggi rivestono un ruolo essenziale, consentono di fare acquisti (online ed anche in negozi fisici) eliminando il contante e i problemi legati a doverne portare con sé in grandi quantità. Una gestione finanziaria più snella e precisa è quanto si auspica ad ogni professionista.

Come è ben noto, le tipologie di carte di pagamento in circolazione sono diverse. Per le aziende di solito si impiegano o quelle di credito oppure quelle di debito. La scelta fra l’una e l’altra soluzione dipende dai casi e dagli istituti, ma, nel caso di un’azienda in cui molti collaboratori hanno la possibilità di attingere al conto corrente aziendale, la carta di debito rappresenta sicuramente la scelta migliore. Andiamo a vedere perchè.

Carta di debito e carta di credito: le differenze

La carta di credito è un tipo di carta che permette di spendere senza in realtà andare ad attingere in modo immediato e diretto al conto corrente alla quale è legata. In sostanza l’istituto che la eroga concede un “credito” al cliente, addebitando quanto speso solo alla fine del mese. La carta rilasciata dall’istituto viene in realtà fornita da un circuito di pagamento (Mastercard, Visa, American Express, Maestro).

Diversamente accade con le carte di debito: in questo caso il prelievo di denaro è immediato, se disponibile sul conto, in caso contrario sarà impossibile ottenere la somma richiesta. Con questo prodotto, infatti, non si può spendere più di quanto presente sul conto o comunque più di quanto stabilito in accordo fra l’istituto e il cliente.

La migliore carta per l’azienda

Se per un privato la formula delle carte di credito, che di fatto anticipano denaro, è molto usata e comoda, perché si può avere un prestito sino al reale versamento del denaro sul proprio conto, per un’azienda questa soluzione può rappresentare un rischio, specialmente se più dipendenti sono autorizzati ad effettuare operazioni. Il rischio è quello di spendere più del consentito, accumulando debiti con l’istituto, senza contare che non si può avere un controllo immediato delle spese. La carta di debito, proprio per questi motivi, è di certo più sicura.

La neo-banca Qonto, che con il suo conto corrente business rappresenta oggi la scelta di moltissime imprese e professionisti, offre infatti ai suoi clienti carte di debito aziendali. I dettagli sulle varie tipologie di carte aziendali e sulle carte offerte dal conto business Qonto si possono leggere cliccando sul seguente link https://qonto.com/it/tips/sme/carta-di-credito-aziendale.

I clienti Qonto possono usufruire di più carte di debito nominative Mastercard, in base alle loro esigenze. Il titolare di un conto Qonto può scegliere di offrire carte fisiche o virtuali ai propri dipendenti, in modo tale da snellire ed eliminare procedure complesse come le richieste di rimborso e le note spese.