Casa in fiamme, si lanciano dalla finestra: gravi padre e bimbo di 8 anni

65

Genova, 22 apr. (AdnKronos) – “Sta bruciando tutto”. Sono queste le parole che una donna ha urlato al telefono ai Vigili del Fuoco intervenuti questa notte in un appartamento a Casella, comune dell’entroterra della Valle Scrivia, in provincia di Genova.

L’incendio, divampato intorno alle 3 di notte e con cause ancora da chiarire, ha colpito un’abitazione al secondo piano di una palazzina in via Mandelli: la struttura era abitata solo da una famiglia, padre, madre e figlio di otto anni. Nel cuore della notte i vigili del fuoco hanno ricevuto la chiamata della donna che ha lanciato l’allarme.

Sul posto per primi gli uomini del distaccamento di Busalla, poi i rinforzi e mezzi provenienti dalla centrale del capoluogo ligure. All’arrivo, i soccorritori hanno trovato il bambino di otto anni fasciato in una coperta.

I genitori lo hanno lanciato dalla finestra per poi lanciarsi nel vuoto anche loro per salvarsi dalle fiamme: il padre è stato ricoverato in rianimazione all’ospedale Galliera di Genova dove è arrivato intubato, la donna invece all’ospedale Villa Scassi, mentre il bambino si trova al Gaslini di Genova. Tutti e tre sono ricoverati in codice rosso con politraumi e fratture.

La palazzina è stata completamente distrutta dalle fiamme. All’arrivo dei vigili del fuoco, infatti, nello stabile si è verificato un crollo che ha coinvolto il tetto e il solaio. La palazzina, compreso il pub sottostante, è stata dichiarata inagibile. Nessun ferito tra i soccorritori, che sono riusciti a mettersi in salvo pochi attimi prima del cedimento. Non si esclude che le fiamme si siano generate per un malfunzionamento all’impianto di riscaldamento.