Casa, previsioni in crescita per il 2018: a Napoli domanda su del 10%

84

“Una risalita dei prezzi, della domanda e del numero di compravendite e locazioni”. E’ la previsione per il 2018 del mercato immobiliare avanzata da Carlo Giordano, amministratore delegato di Immobiliare.it, sulla scorta dei trend osservati negli ultimi dodici mesi soprattutto nei centri urbani più popolati. Secondo l’Osservatorio del portale, il 2017 si è concluso con prezzi che, a livello nazionale, hanno quasi raggiunto la stabilità: il calo sull’anno precedente si limita infatti a uno 0,5%. Resta però evidente una frammentazione del panorama nazionale, con le metropoli che tirano la ripresa e i centri più piccoli che rimangono indietro, soffrendo ancora la crisi. “Per oltre mille comuni italiani il 2017 si è concluso con zero transazioni, segno di una totale assenza di mercato in territori che non offrono opportunità lavorative e stanno vivendo una condizione di abbandono, è nelle grandi città, e ancor più nelle metropoli, che si sta finalmente realizzando la ripresa”, sintetizza lo stesso Giordano.Guardando alle metropoli, nello specifico, si osserva come i costi delle abitazioni a Milano, nel corso dell’anno, abbiano superato per la prima volta quelli di Roma: nel capoluogo lombardo il prezzo medio richiesto a dicembre è stato pari a 3.236 euro al metro quadro (+0,6% in un anno), mentre nella Capitale si è fermato a 3.231 euro al metro quadrato (-2,9%). Nelle due città, a Napoli, e nei rispettivi hinterland, la domanda è cresciuta dell’8,7% e si stima raggiungerà un +10% nel corso del 2018. “L’attesa di un prossimo aumento dei prezzi nelle metropoli italiane va letta anche da un’altra angolazione”, osserva comunque Giordano, segnalando che “la fetta maggiore degli acquisti in questi centri sta avvenendo per sostituzione. La ricerca di un immobile che migliori le condizioni abitative della famiglia porta quindi le transazioni a concentrarsi su prodotti di qualità”.La domanda si presenta intanto in progresso anche nelle grandi città, quindi nella categoria immediatamente inferiore dal punto di vista delle dimensioni. Qui il progresso è del 5,8%, con una menzione d’onore per quanto riguara i valori immobiliari che va a Bologna. Sotto le due torri i prezzi sono cresciuti del 3,8% su base annua, mentre prosegue la sofferenza di Torino e Genova, dove i prezzi richiesti hanno segnato rispettivamente un calo del 4,5% e del 6,1%. Da questo punto di vista, l’anno si è chiuso in negativo anche per i due grandi centri del Sud, Bari e Palermo, che hanno visto i valori calare del 2,4% e del 3,9%. In tutto questo, Catanzaro si conferma come il capoluogo di regione più economico in assoluto, con un prezzo medio registrato a dicembre 2017 pari a 1.102 euro al metro quadrato, in calo del 2,4% su base annua. Seguono Campobasso, con 1.136 euro al metro quadrato, e Perugia con una richiesta media di 1.224 euro al metro quadrato. Il più caro invece è Firenze, con 3.522 euro al metro quadrato, che supera appunto Milano e Roma.