Casamonica, la moglie del boss: “Da mio marito botte e abusi”

6

Roma, 22 nov. (AdnKronos) – Dopo anni di violenze e sopraffazioni contro di lei e contro le sue due figlie ha trovato il coraggio di denunciare il suo aguzzino. Vittima dei ripetuti maltrattamenti fisici e psicologici è la moglie di Raffaele , 47 anni, esponente del noto clan. All’uomo, già detenuto a Rebibbia con fine pena 2031, è stata notificata dalla polizia un’ordinanza di custodia cautelare per maltrattamenti, anche nei confronti delle due figlie, e violenza sessuale, emessa dal gip del Tribunale di Roma.

Lo scorso mese di aprile, su delega della Procura di Roma, la IV sezione della Squadra Mobile di Roma ha avviato una riservata attività di indagine sulla vicenda in cui è coinvolta la donna che, dopo anni convivenza e matrimonio con Raffaele Casamonica, 47 anni, esponente del noto clan, ha trovato il coraggio di ribellarsi e denunciare le gravi e ripetute condotte violente nei suoi confronti.

La vittima, nelle sue puntuali e mai contraddittorie dichiarazioni, ha ripercorso il lungo drammatico vissuto con l’uomo, dal loro primo incontro, quando era ancora molto giovane, al matrimonio nel 2013 a Roma, alla sua fuga disperata per trovare rifugio in una struttura protetta con le due figlie.

La donna, che aveva conosciuto Raffaele Casamonica in un paese dell’Europa centrale nel 2004, dove lui viveva in latitanza e sotto false generalità, si era trasferita a Roma, e soltanto in seguito aveva compreso a quale famiglia appartenesse il marito. La donna ha riferito della difficoltà a uscire dalla spirale di violenza in cui si è venuta a trovare e delle condizioni nelle quali era stata costretta a vivere, subendo prevaricazioni, umiliazioni, percosse, e ogni forma di controllo, in stato di totale isolamento, costretta anche a rapporti sessuali imposti, e trattata con disprezzo.

Ha riferito di avere subito ripetuti maltrattamenti fisici e psicologici che hanno determinato in lei una condizione di totale asservimento al marito e ai suoi familiari, che le hanno imposto di tenere una condotta coerente alle usanze della famiglia di etnia rom, condividendone il modo di vivere, anche per quanto riguarda l’educazione delle bambine, l’abbigliamento da indossare e persino l’acconciatura dei capelli. Ha anche riferito delle gravi minacce di morte ricevute, dopo la carcerazione del marito, poiché aveva deciso di non sottostare più alla condizione di maltrattamento e sottomissione alle ‘regole’ imposte dalla ‘famiglia Casamonica’ decidendo anche di tagliare i capelli e indossare i pantaloni.

Anche in assenza dell’indagato è stata costantemente tenuta sotto controllo da tutta la cerchia dei familiari, costretta a rispettare i loro ordini, nonostante avesse espresso la volontà di sottrarsi alla condizione nella quale era costretta a vivere.