Caso Anm, Pd a de Magistris: Fallimento a un passo

22

“Siamo fortemente preoccupati per i cittadini e per i lavoratori. L’azienda ormai e’ al collasso e de Magistris dichiara che “l’azienda non va verso il fallimento e di essere fiducioso”. Pensiamo che o il sindaco non conosce la gravita’ della situazione o specula sulla crisi aziendale. Il rischio reale, da quanto ci risulta, e’ che da qui a pochi mesi l’azienda non sara’ piu’ in grado di offrire il servizio alla cittadinanza”. A dichiaralo in una nota congiunta i deputati del Pd Leonardo Impegno, Giovanni Palladino, Valeria Valente, Anna Maria Carloni, il capogruppo Pd in Consiglio regionale Mario Casillo, le consigliere regionali Pd Bruna Fiola, Enza Amato, Antonella Ciaramella e il gruppo Pd del Comune, Federico Arienzo, Alessia Quaglietta e Aniello Esposito. “Anm – proseguono gli esponenti democrat – ha un evidente buco di bilancio e negli ultimi 5 mesi e’ riuscita a pagare gli stipendi solo grazie ai trasferimenti regionali. Ad oggi l’azienda non e’ in grado di garantire la regolarita’ dei prossimi stipendi e della quattordicesima. Da quanto sappiamo sono stati revocati i fidi bancari e, soprattutto, Anm non ha la capacita’ economica di acquistare gli autobus con i fondi regionali, benche’ quest’ultimi coprano il 75% della spesa”. “La smetta di nascondere la verita’: dica che la Regione per il servizio sta trasferendo e per tempo quanto deve all’azienda, avvii una corretta interlocuzione istituzionale con gli uffici regionali per identificare tutti gli strumenti disponibili e a sostegno dei lavoratori. Non nasconda la testa sotto la sabbia. Il problema Anm esiste – concludono Impegno, Palladino, Valente, Carloni, Casillo, Fiola, Amato, Ciaramella e il gruppo Pd del Comune – e in gioco non c’e’ il suo futuro politico, ma il trasporto pubblico locale della terza citta’ d’Italia. Dobbiamo evitare una bomba sociale e garantire un servizio di qualita’ ai cittadini”.