Caso Denise: ex pm Angioni, ‘era terreno minato, così fui bloccata durante l’inchiesta’/Adnkronos (4)

54

(Adnkronos) – Maria Angioni non vuole dire di più su quella attività “morta lì, quel giorno”. Però, studiando le carte dell’inchiesta e cercando tra i numerosi verbali, l’Adnkronos risale a un verbale di sommarie informazioni del 22 luglio del 2005, proprio a Ragusa. Da lì emerge che la Procura aveva fatto intercettare un numero a Ragusa e fatto degli accertamenti “per vedere chi era quel soggetto”. In quella occasione, i magistrati andarono a Ragusa per sentire alcune persone, appartenenti a un nucleo familiare. Dall’intercettazione si sentì parlare di un omicidio. Le cimici ascoltano: ‘purtroppo è morta, è morta’. Ma, all’improvviso, come si evince dal verbale, quella frase “è morta” si riferiva a una pianta grassa. Proprio una pianta. Insomma, l’ennesima stranezza di questa inchiesta piena di misteri.