Caso Jorit, Comunità ebraica di Napoli contro il sindaco: Sconcertati dalle sue parole

39
in foto Luigi de Magistris, sindaco di Napoli

La comunità di Napoli esprime sconcerto e sdegno per il post pubblicato sulla pagina Facebook “Luigi de Magistris – Sindaco per Napoli”, pubblicato il 28 luglio, a proposito dell’arresto dello ‘street artist’ Jorit da parte delle autorità israeliane. “Diversi iscritti della nostra comunità – si legge in una nota della Comunità ebraica di Napoli – e di altre comunità italiane sono cittadini israeliani esposti, come gli altri abitanti di Israele, agli attacchi terroristici e missilistici e pertanto, in quanto nostri fratelli e nostri iscritti, questa comunità avverte l’obbligo morale di sottolineare la necessità, da parte delle istituzioni, di affrontare la questione israelo – palestinese con equilibrio e nel rispetto dei diritti di entrambi i popoli coinvolti. Al di là dell’arresto del muralista, definire la barriera di confine tra Israele e la Cisgiordania (costituita da un muro solo per il 10% della sua lunghezza totale) “muro dell’apartheid” è una distorsione che dimostra disprezzo per la sicurezza dei cittadini israeliani visto che da quando esiste quella barriera, gli attentati palestinesi in Israele si sono ridotti di più del 90%.”.
Analogamente, definire la diciassettenne attivista palestinese Ahed Tamini come “la ragazzina palestinese arrestata da minorenne per aver manifestato il legittimo disprezzo contro l’esercito occupante della sua terra” è tendenzioso e mistificatorio dal momento che quella minorenne, educata all’odio fin dalla più tenera età e premiata dal leader turco Erdogan, è stata arrestata dopo aver aggredito un giovane militare israeliano mentre presidiava una strada, senza che questi avesse compiuto alcuna azione violenta e senza alcuna reazione da parte del militare a quell’aggressione chiaramente provocatoria”. “Quindi – sottolinea la comunità ebraica – l’arresto e la condanna della giovane attivista palestinese, minorenne ma non certo una “ragazzina”, sono stati del tutto legittimi nell’ambito del rispetto delle leggi di un qualunque Stato democratico: questa è democrazia. Termini suggestivi ma palesemente imprecisi per chiunque abbia una conoscenza approfondita dei fatti, ancor più se adoperati per comunicare su un social network, sono poco consoni ad una istituzione pubblica come il Comune di Napoli, tanto più che, come dimostrano diversi commenti a questo e ad altri post sul medesimo argomento pubblicati su Facebook dal sindaco De Magistris e, finiscono con l’incoraggiare e l’alimentare il pregiudizio antiebraico e antiisraeliano”. “Napoli – si conclude la nota – ha molti problemi ancora irrisolti che riguardano tutti i suoi abitanti e rispetto ai quali certi sconfinamenti in materia di politica estera da parte del suo Sindaco risultano inspiegabili a meno che non siano dovuti ad una visione pregiudiziale di Israele e della questione israelo palestinese. Ci auguriamo che il Sindaco e la sua Giunta continuino ad impegnarsi per risolvere i problemi della nostra città e che eventuali esternazioni su materie di competenza di altre istituzione siano improntate a maggior equilibrio e rispetto della realtà e di tutte le sensibilità interessate”.