Castelvolturno, la Dia sequestra un’azienda di bufale

59

La Direzione Investigativa Antimafia di Napoli ha sequestrato quattro immobili e un’azienda attiva nell’allevamento di bufalini e produzione di latte crudo a Castelvolturno, dal valore di 350mila euro, a Giuseppe Morrone, ritenuto vicino al clan dei Casalesi. Quest’ultimo era già destinatario di un provvedimento di applicazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per la durata di anni due e mesi sei. Dalle attività di indagine è emerso che Morrone Giuseppe, figlio del defunto Pasquale, “storico” esponente del clan “dei casalesi”, gruppo Bidognetti, appartenesse al citato sodalizio criminale per il quale ha gestito le estorsioni imposte agli operatori commerciali e imprenditori della zona; secondo le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, con particolare riferimento all’installazione di apparecchi per il videopoker.