Catalogna proclama l’indipendenza Madrid ‘azzera’ governo catalano

18

Madrid, 27 ott. (AdnKronos) – Il Parlamento di Barcellona ha approvato la dichiarazione d’indipendenza della Catalogna con 70 voti a favore, 10 contrari e 2 schede bianche. I deputati indipendentisti hanno salutato il risultato cantando in piedi l’inno Les Segadores, mentre in piazza è esplosa la festa. I partiti unionisti avevano lasciato l’aula prima del voto. Pugno di ferro di Mariano Rajoy che ha destituito il governo catalano e convocato le elezioni per il 21 dicembre.

Il presidente della Generalitat catalana Carles Puigdemont si è detto emozionato per “la grandezza di questo momento” ed ha salutato il voto della dichiarazione di indipendenza come “un passo molto atteso”. “Nelle prossime ore dovremo mantenere questo Paese in vita, lo faremo sul terremo della pace, del civismo e della dignità”, ha affermato Puigdemont, parlando sulla scalinata d’ingresso del Parlamento davanti a 700 sindaci indipendentisti catalani.

MIGLIAIA IN PIAZZA – Migliaia di persone – 6mila secondo le stime della Guardia Urbana di Barcellona – in festa a plaza Sant Juame, sotto la sede del governo della Generalitat. La ‘Festa della proclamazione della Repubblica’ è stata convocata dall’associazione civica indipendentista Omnium Cultural. “Fuori, fuori la bandiera spagnola”, il coro dei manifestanti, secondo quanto riferisce il sito del quotidiano catalano La Vanguardia. I dimostranti chiedono che vengano ammainate le bandiere spagnole che ancora sventolano sugli edifici pubblici.

DICHIARAZIONE D’INDIPENDENZA – La dichiarazione, approvata con voto segreto, annuncia la costituzione della “repubblica catalana come stato indipendente e sovrano” e invita il governo di Barcellona a “emettere tutte le risoluzioni necessarie per l’implementazione della legge di transizione giuridica e fondamento della Repubblica”.

Fra le misure, figurano provvedimenti per istituire la nazionalità catalana, la promozione del riconoscimento internazionale, la creazione di una Banca della Catalogna, l’integrazione dei funzionari spagnoli nella nuova amministrazione indipendente, provvedimenti per l’esercizio dell’autorità fiscale, la messa a punto di una lista dei beni dello stato spagnolo presenti in Catalogna per una effettiva successione nella proprietà. Sono previsti anche un negoziato con Madrid e la firma di trattati internazionali.

Nel segreto dell’urna, non tutto è andato esattamente come previsto: i deputati dei partiti indipendentisti – l’alleanza Junts pel Sì e il Cup – sono 72, ma i voti favorevoli sono stati 70. Erano presenti in aula, ma hanno votato contro i deputati di Catalunya si que es Pot, il raggruppamento della sindaca di Barcellona Ada Colau, di cui fa parte Podemos.

ARTICOLO 155 – Intanto, il Senato spagnolo ha approvato a grande maggioranza il ricorso all’articolo 155 in Catalogna. E’ la prima volta che una simile misura viene approvata in Spagna. Vi sono stati 214 voti a favore, 47 contrari e una astensione. Il provvedimento è stato approvato dal Partito Popolare al governo, dai Socialisti e Ciudadanos. Hanno votato contro Unidos Podemos, il partito nazionalista basco e le due formazioni secessioniste catalane: Erc e PDeCat.

RAJOY ‘AZZERA’ GOVERNO CATALANO – In applicazione dell’articolo 155 il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy ha annunciato la destituzione del presidente della Generalitat catalana, del suo governo e del capo della polizia regionale, oltre allo scioglimento del parlamento autonomo di Barcellona e la convocazione di elezioni anticipate in Catalogna il 21 dicembre.

“Ho deciso di convocare quanto prima elezioni libere, pulite e legali per restaurare la democrazia” ha detto Rajoy. “Sono le urne, quelle vere, con leggi, controlli e garanzie quelle su cui si può basare la convivenza”, ha affermato il primo ministro, con un chiaro riferimento al referendum sulla secessione, ritenuto illegale. Rajoy ha annunciato le misure al termine di un consiglio dei ministri straordinario, che si è tenuto dopo il via libera del Senato all’applicazione dell’articolo 155.

Nell’applicare l’articolo 155, il governo spagnolo ha destituito anche il segretario generale del dipartimento dell’Interno della Generalitat, Cesar Puig, e il direttore generale della polizia generale della polizia regionale dei Mossos d’Esquadra, Pere Soler. Il provvedimento, nota El Mundo, non colpisce per il momento il comandante dei Mossos, Josep Lluis Trapero. E’ stata anche decisa la chiusura di tutte le rappresentanze della Catalogna all’estero, una delle quali si trova anche a Roma.