Cda Alitalia: “Sì al commissariamento, ma i voli non si fermano”

92

Roma, 25 apr. (AdnKronos) – Data “l’impossibilità di procedere alla ricapitalizzazione”, il Consiglio di amministrazione di Alitalia “ha deciso di avviare le procedure previste dalla legge”. Ovvero, l’iter per il commissariamento. E’ quanto si legge in una nota dell’azienda al termine del cda.

Il Consiglio di Amministrazione di Alitalia ha preso atto “con rammarico della decisione dei propri dipendenti di non approvare il verbale di confronto firmato il 14 aprile tra l’azienda e le rappresentanze sindacali”.

Per James Hogan, presidente e amministratore delegato di Etihad Aviation Group e Vicepresedente di Alitalia, il risultato del voto è “una sconfitta per tutti: i dipendenti di Alitalia, i suoi clienti, i suoi azionisti, e lo stesso Paese, di cui Alitalia è un ambasciatore in tutto il mondo”.

La compagnia precisa che “il programma e l’operatività dei voli Alitalia “non subiranno al momento modifiche”. Il Cda di Alitalia ha quindi “convocato un’assemblea dei soci” al fine di deliberare sulle procedure di legge necessarie, vista l’impossibilità di procedere alla ricapitalizzazione dopo il no dei lavoratori all’accordo raggiunto sul piano industriale. La decisione del board sembra, dunque, aprire la strada al commissariamento della compagnia. Anche se sono previste altre procedure, spiegano fonti vicine al dossier, è questa l’opzione più forte e più probabile. La palla passa ora ai soci che si riuniranno in assemblea dopodomani o, in seconda battuta, il 2 maggio prossimo.

Intanto salta l’incontro previsto per domani al ministero dello Sviluppo economico. E’ stato rinviato alla prossima settimana e “comunque dopo le riunioni degli organi deliberanti di Alitalia”. Lo si apprende da fonti sindacali. L’incontro di domani era stato fissato prima dell’avvio della consultazione referendaria dei lavoratori di Alitalia sul pre-accordo sottoscritto il quattordici aprile scorso per una valutazione dell’esito del voto.