Centro Direzionale Saccone all’avanguardia con il rent to buy

86

Nella foto: Giorgio Scala general manager del Centro Direzionale Saccone

Secondo dati recenti di Banca d’Italia e Osservatorio immobiliare dell’Agenzie delle Entrate, il 2016 è iniziato con un’impennata delle vendite di case (20 per cento in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente). A questo risultato hanno contribuito una migliore congiuntura economica e formule di compravendita immobiliare alternative, più appetibili per i potenziali acquirenti. Tra queste, il “Rent To Buy” (letteralmente affitto per comprare). Introdotto nel settembre 2014 con il decreto Sblocca Italia, questa formula consente di abbattere la soglia di liquidità necessaria per acquistare qualsiasi tipologia di immobile, evitando il ricorso ad un mutuo al cento per cento. In questi mesi, la richiesta di compravendite con questa soluzione è cresciuta costantemente, contribuendo al rilancio del settore.

Il Centro Direzionale Saccone di Montecorvino Pugliano – Località Pagliarone (a pochi passi dall’aeroporto di Salerno), moderno complesso di uffici e locali commerciali dislocato su un’area complessiva di circa 5200 mq, è stata una delle prime strutture in Campania ad applicare la formula del “Rent To Buy” nelle compravendite immobiliari. Una scelta che si è rivelata vincente, alla luce dell’incremento delle vendite di immobili nell’ultimo anno.
“Questa formula innovativa, originaria dei paesi anglosassoni, ha subito riscontrato un grande successo tra professionisti ed imprenditori del territorio – spiega Giorgio Scala, general manager del Centro Direzionale Saccone – Oggi chi sceglie di acquistare un ufficio si indirizza su strutture con ambienti moderni e confortevoli con soluzioni vantaggiose dal punto di vista economico come il Rent To Buy. Tra le possibilità offerte con questa formula, c’è la possibilità per l’acquirente di rateizzare il prezzo di acquisto dell’immobile avendone immediatamente la disponibilità, e ottenere più facilmente il mutuo in virtù di un miglior storico creditizio. Il trend di acquisti con il Rent To Buy è in forte crescita, soprattutto tra i giovanissimi, anche under 30, che si affacciano per la prima volta al mondo imprenditoriale.”
Come funziona il Rent To Buy? Consideriamo la vendita di un immobile per il prezzo di 100.000 euro. Dopo un piccolo acconto pari a circa il 10 per cento del valore dell’immobile, il futuro acquirente per 5 anni si impegnerà a corrispondere un canone mensile minimo di circa 300 euro mensili. L’80% di questa cifra (240 euro per 60 mensilità), sarà detratto dal prezzo finale di vendita. Il 20% verrà pagato per il godimento dell’immobile, come un normale affitto. Se dopo 5 anni il futuro proprietario deciderà di acquistare il bene non dovrà pagare più 100.000 euro, ma una cifra ribassata di 24 mila e 400 euro, ovvero la somma dell’acconto iniziale più i canoni mensili (10 mila più 14.400). Come si evince dall’esempio, questi non andrebbero persi come in un normale affitto bensì diventerebbero un vero e proprio investimento.
Il caso del Centro Direzionale Saccone, che grazie a questo strumento innovativo ha incrementato notevolmente le vendite di uffici e locali commerciali, non è isolato: sempre più agenzie e intermediari immobiliari del territorio, in seguito alla grande richiesta riscontrata, stanno proponendo la formula del “Rent To Buy” anche nell’edilizia residenziale, dando così un nuovo impulso alla vendita delle case.
 
Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina: http://www.centrodirezionalesaccone.it/rent-to-buy/