Centrodestra, Lupi: I Superman non ci sono più, un giovane alla guida del nuovo Pdl 4.0

122
in foto Maurizio Lupi (Imagoeconomica)

La riflessione sul dopo Forza Italia “in realta’ va avanti da un po’, a prescindere lo stato di salute di Silvio Berlusconi. Lui stesso ne aveva coscienza quando ha lanciato l’idea del Partito repubblicano”. Lo dice, in un’intervista a Repubblica, il leader di Noi moderati Maurizio Lupi. Per il quale “l’area moderata va rafforzata. Sara’ il tema del nostro congresso il 20 il 21 maggio. Ci sono due opzioni: o il Partito repubblicano, ma Giorgia Meloni sembra fredda, oppure un nuovo Pdl 4.0 a trazione moderata”. Quanto alla guida di questo nuovo Pdl, “i Superman non ci sono piu’ – osserva – non dobbiamo commettere l’errore di pensare di fare una sommatoria di contenitori, ma immaginare una proposta politica liberale e sussidiaria, che faccia sognare che guardi vita all’Italia dei prossimi trent’anni, esattamente come fece Silvio fondando il centrodestra nel 1994”. Dunque, “si puo’ ipotizzare molto giovane che costringa tutti noi a fare un passo indietro”. Secondo Lupi, il Terzo polo “non esiste. Piu’ va avanti e piu’ si polverizza”, perche’ “un partito della responsabilita’ una volta che non va governo in un sistema bipolare si scioglie”. “La cosa piu’ importante e’ fare bene al governo – conclude – quella e’ la sfida da vincere. Ma non va dimenticato che il centrodestra vinto anche grazie all’attuale sistema elettorale. Resta enorme il problema dell’astensionismo e di un elettorato mobile. Noi moderati e Forza Italia dobbiamo avere la coscienza di nuove sfide: abbiamo un anno di tempo per organizzare un’offerta in vista del prossimo cimento elettorale, le Europee”.