Cern, riparte superacceleratore Lhc

48

(ANSA) – MILANO, 25 MAR – Ha ripreso a funzionare il più grande acceleratore di particelle al mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra: dopo la pausa tecnica durata tre mesi, nel suo anello lungo 27 chilometri è stato iniettato un primo pacchetto con circa 10 miliardi di protoni, che dovrebbe completare il viaggio nelle due direzioni per verificare il pieno funzionamento della macchina. A comunicarlo è il fisico italiano Mirko Pojer, tra i responsabili delle operazioni di Lhc. Le particelle correranno lungo l’anello di Lhc attraversando un settore dopo l’altro, fino a compiere un giro completo. ”La correzione dell’orbita verrà fatta un pezzo alla volta – spiega Pojer all’ANSA – poi si cercherà di catturare il fascio con la radiofrequenza, che servirà a dare l’energia necessaria per mantenerlo costantemente in circolazione”.
   

(ANSA) – MILANO, 25 MAR – Ha ripreso a funzionare il più grande acceleratore di particelle al mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra: dopo la pausa tecnica durata tre mesi, nel suo anello lungo 27 chilometri è stato iniettato un primo pacchetto con circa 10 miliardi di protoni, che dovrebbe completare il viaggio nelle due direzioni per verificare il pieno funzionamento della macchina. A comunicarlo è il fisico italiano Mirko Pojer, tra i responsabili delle operazioni di Lhc. Le particelle correranno lungo l’anello di Lhc attraversando un settore dopo l’altro, fino a compiere un giro completo. ”La correzione dell’orbita verrà fatta un pezzo alla volta – spiega Pojer all’ANSA – poi si cercherà di catturare il fascio con la radiofrequenza, che servirà a dare l’energia necessaria per mantenerlo costantemente in circolazione”.