“Ci rivedremo a Filippi”, opere grafiche di Franz Borghese in mostra al Maschio Angioino

28
in foto un disegno di Franz Borghese

Si inaugura domenica prossima, 28 ottobre (ore 11), nel Maschio Angioino la mostra dedicata a Franz Borghese, per la prima volta a Napoli “Ci rivedremo a Filippi”, a cura di Marina Guida. Il titolo o del progetto è mutuato da una celebre frase giunta a noi dall’antichità. Secondo la tradizione, fu pronunciata dal fantasma di Giulio Cesare che cosi’ si rivolse a Bruto. L’espressione attualmente è usata per indicare che prima o poi si arrivera’ ad una resa dei conti. Il percorso e’ articolato in 3 sezioni. Nella prima sala esposti una serie di otto tempere degli anni ’90 inedite e 7 acqueforti tratte dalla cartella “l’amore classico” del 1975, che raccontano l’universo visionario di Franz Borghese, la sua ironica analisi della borghesia con piccoli personaggi, in eterno affannoso movimento: signore con il cagnolino, signori in monocolo e cilindro, prelati, cardinali gendarmi, assassini, narcisisti, servitori, buffoni, equilibristi, funamboli, prestigiatori, affabulatori, in un corteo di creature mostruose e grottesche. Nella seconda sala ci sono 20 disegni originali a china, tratti dal ciclo “W la Guerra” del 1976 nei quali emerge un impegno antimilitarista dell’artista scomparso a Roma nel 2005, conclude il percorso una scultura in bronzo. Tutti i lavori selezionati, sono degli anni Settanta e Novanta. La mostra, sara’ visitabile fino al 26 novembre, dalle 8.30 alle 19.00. Domenica dalle 8.30 alle 13.00.