Cina, Massimo Roj nominato “ambasciatore” a Pechino per il Design italiano

73
in foto Massimo Roj, architetto

L’architetto Massimo Roj è stato nominato “ambasciatore” a Pechino per il Design italiano. L’occasione è quella dell’Italian Design Day, che si celebra nel mondo il 1° marzo: una giornata dedicata dal Ministero degli Affari Esteri proprio ad uno degli aspetti dell’italianità che maggiormente caratterizza il Belpaese all’estero. Dopo il successo del 2017, anche quest’anno 100 “Ambasciatori” della cultura italiana – testimonial scelti tra designer, imprenditori, giornalisti, critici, comunicatori, docenti – racconteranno da 100 sedi sparse nel mondo il rapporto tra design e sostenibilità. Con il suo motto “Less ego, more eco”, Massimo Roj è l’ambasciatore perfetto per il tema scelto quest’anno dalla Triennale di Milano, in linea con “Broken Nature – Design Takes on Human Survival”, prescelto per la XXII Esposizione Internazionale della stessa Triennale, che si terrà dal 1° marzo al 1° settembre 2019. Per Progetto CMR, di cui l’arch. Roj è fondatore, la sfida sta nel realizzare architetture flessibili in grado di adeguarsi all’evoluzione futura e garantire la sostenibilità dei progetti. Obiettivo dell’architetto Roj sarà quindi quello di portare a Pechino, la città a lui assegnata, la sua visione della sostenibilità legata al mondo del progetto, alle consuetudini e ai processi produttivi. “Sono onorato di poter dare anche quest’anno il nostro piccolo contributo a questa iniziativa così importante, che testimonia il ruolo cruciale che il design italiano svolge nel mondo – afferma Roj -. Inoltre, la Cina, dove siamo presenti da più di 15 anni, è un Paese a cui sono particolarmente legato per cui la scelta di assegnarmi la città di Pechino mi rende ancor più orgoglioso”.