Cinema, in arrivo il “Dog Film Festival”

37

di Marco Milano

Arriva il “Dog Film Festival”, la prima rassegna cinematografica e letteraria italiana “dedicata al cane e all’universo affettivo e culturale che lo rende protagonista di storie e relazioni con l’essere umano”. Una kermesse dove a farla da padroni…è proprio il caso di dirlo sono gli amici a quattro zampe che, come e meglio dei divi del grande schermo, saranno la grande novità dei nuovi festival cinematografici del 2021. Il “Dog Film Festival” come anticipato dagli organizzatori sarà un evento “incentrato su Empatia, Natura, Ambiente e Valori affettivi che invita tre categorie di partecipanti, professionisti, amatori e writers, a iscrivere le proprie Opere, professionali o amatoriali, per concorrere nelle rispettive e diverse sezioni all’assegnazione dei DFF Awards”. Insomma un appuntamento che in tutto e per tutto si annuncia come una data da non dimenticare per addetti ai lavori, cinefili e…cinofili. “Il Festival guarda all’intero universo canino – hanno spiegato gli organizzatori dell’evento ideato da Artix e che gode del patrocinio di Croce Rossa Italiana e FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani), Partner è Trip for Dog, Media partner Dimensione Suono Soft – con due sezioni fuori concorso premia l’impegno civile dei cani al fianco e a sostegno dell’uomo e, al tempo stesso promuove una campagna di comunicazione sociale per contrastare la piaga dell’abbandono”. E nell’attesa dell’apertura delle iscrizioni con i bandi che verranno emanati nei prossimi giorni, è stato anche tagliato in queste ore l’ideale nastro inaugurale di www.dogfestival.it, il sito ufficiale dell’iniziativa. “Il Dog Film Festival – ha detto il curatore Marco Panella – vuole contribuire a rendere il cane protagonista dello spettacolo e della narrazione, e a posizionare definitivamente il suo rapporto con gli umani in un perimetro culturale e sociale da promuovere e valorizzare. Sviluppare empatia tra umani e cani migliora le persone, migliora il quotidiano e il modo con il quale ci rapportiamo con il mondo, primo tra tutti il rispetto reciproco”.