Cinema, riapertura lontana. Nasce Ueci Campania, associazione di categoria degli esercenti regionali

223

Quarantatré gestori di sale cinematografiche, rappresentanti di novantasette schermi di proiezione in tutta la regione: sono questi i numeri della costituenda sezione campana dell’Unione Esercenti Cinematografici (Ueci) che si è incontrata ieri a Caserta presso il Multicinema Duel.
Sono tanti i problemi messi sul piatto da questa nuova associazione di categoria (che nasce dall’esperienza della Confederazione nazionale artigiani sezione audiovisivo) che si prefigge di salvaguardare maggiormente i titolari delle sale non solo in questa particolare situazione di emergenza ma anche, e soprattutto, in futuro. “La riapertura – spiega Silvestro Marino, promotore dell’associazione –, nonostante le regole e le raccomandazioni del Governo, sembra ancora lontana. Senza film in uscita e senza vere certezze sull’uso dei bar interni, quali saranno i motivi che spingeranno gli spettatori ad entrare in sala?”.
Alti i costi fissi, norme complesse anche per le aperture delle arene all’aperto, pochissime garanzie per i monosala (spesso un pezzo di storia del cinema campano) ma poche garanzie dallo Stato e, soprattutto, dalla Regione Campania. “Abbiamo un serio problema con le forniture – prosegue Marino – con le scadenze dei prodotti dei nostri bar e, come sta accadendo, molti fornitori non accettano il reso. Quale garanzia per noi ma anche per loro? Scopo dell’associazione è salvaguardare la categoria ed i suoi lavoratori ma anche la filiera, affrontando e gestendo anche i rapporti con i distributori e le case di produzione, favorendo le relazioni tra cinema e scuola e tornando a fare delle sale un luogo in cui sognare liberamente”.