Cinema, “Vie della Creatività” GO25: bando Anac per residenze d’artista

57

Attrarre sceneggiatori, registi e altri professionisti del cinema nella futura Capitale Europea della cultura dell’anno 2025 – GO25. E’ l’obiettivo di “Vie della Creatività”, il progetto lanciato dall‘Associazione Palazzo del cinema di Gorizia, in collaborazione con ANAC- Associazione Nazionale Autori Cinematografici e con il sostegno di Unione Europea-Next Generation EU, Ministero della Cultura, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Gorizia.

‘Via della Creatività’ offre residenze concepite per accogliere artisti/e di diverse discipline del cinema (sceneggiatura, regia, musica per film, scenografie, costumi e fotografia) che abbiano bisogno di concentrarsi e ispirarsi per sviluppare i propri progetti. Il numero annuale di artisti/e ospitati/e non supera la dozzina. La prima sessione 2024 per i primi artisti avrà luogo dal primo al 22 luglio 2024. I progetti relativi alla prima sessione, redatti in italiano o in inglese, dovranno essere inviati entro le 23.59 del 30 maggio 2024. ‘Via della Creatività’ è un’iniziativa che fa parte del sistema di attività denominato “BorGO Cinema” beneficiario dei contributi del progetto pilota “Mille anni di storia al centro dell’Europa: Borgo Castello crocevia di popoli e culture” finanziato dall’Unione Europea – Next Generation EU.

La partecipazione è riservata ai progetti che abbiano una significativa valenza artistica e di innovazione. Una particolare attenzione sarà rivolta a quei progetti che abbiano già l’appoggio di una società di produzione. Per partecipare alla selezione i candidati e le candidate devono aver già firmato almeno un lungometraggio nella disciplina per la quale si propone la domanda e la stessa opera deve essere stata distribuita in sala o diffusa da una rete televisiva o da una piattaforma. In alternativa i candidati devono dimostrare per la disciplina nella quale intendono presentare domanda (sceneggiatura, regia, musica, scenografia, costumi, fotografia) la provenienza da una scuola d’eccellenza nell’ambito del cinema e dell’audiovisivo. Fino a vent’anni fa la città di Gorizia è stata divisa tra l’Italia e la Slovenia, tra est e ovest. Per questo motivo, ma ancora di più per la sua storia che ne ha fatto il punto di congiunzione fra le culture romanze, slave e germaniche, l’elegante città sull’Isonzo, mantiene un fascino e un’atmosfera che la rendono il luogo ideale per ospitare i creativi dell’arte cinematografica, provenienti da tutta Europa e non solo, offrendo loro una residenza per trovare ispirazione e lavorare su un proprio progetto.