Cinque Smart city nel Sud Italia, mezzo milione per ogni progetto

23

Più città intelligenti nel Sud Italia: questo l’obiettivo dell’Osservatorio Smart City dell’Anci e del Progetto Epas – Empowerment delle pubbliche amministrazioni regionali e locali nell’attuazione di strumenti di ingegneria finanziaria – Più città intelligenti nel Sud Italia: questo l’obiettivo dell’Osservatorio Smart City dell’Anci e del Progetto Epas – Empowerment delle pubbliche amministrazioni regionali e locali nell’attuazione di strumenti di ingegneria finanziaria – del Dipartimento per gli Affari regionali attuato da Studiare Sviluppo del ministero dell’Economia e delle Finanze. Per perseguirlo l’Associazione nazionale dei Comuni italiani ha lanciato un bando che permetterà di finanziare quattro proposte progettuali di smart cities con un investimento minimo di 500mila euro. Beneficiari L’avviso e è riservato alle Amministrazioni comunali delle Regioni Obiettivo Convergenza del Sud Italia in forma singola o congiunta, alle Unioni di Comuni e alle altre forme associative di Enti locali formalmente riconosciute (fusioni, convenzioni, consorzi), rientranti nel territorio italiano delle Regioni Convergenza. Cinque gli ambiti tematici su cui i beneficiari potranno cimentarsi: smart buildings; smart government; smart energy; smart living; e smart mobility/transport. Ciascuna Amministrazione potrà candidare, pena l’esclusione, una sola proposta progettuale rientrante negli ambiti tematici previsti dal bando (sia come soggetto proponente sia come membro del partenariato, in caso di proposta presentata in forma congiunta da più amministrazioni). Qualora il progetto coinvolga più Enti, questi dovranno sottoscrivere un accordo di partenariato o un protocollo d’intesa da allegare alla proposta progettuale. Sarà, inoltre, necessario individuare un soggetto capofila che assuma il ruolo di “soggetto proponente”. Obiettivo Lo scopo del concorso sarà proprio quello di facilitare la trasformazione delle realtà urbane piccole e grandi del Sud Italia, in vere città intelligenti, attraverso una “visione strategica” d’insieme che permetta di sviluppare un progetto replicabile in altri contesti e, soprattutto, perfettamente funzionante sul lato pratico. In particolare, ai soggetti selezionati sarà offerto un servizio di accompagnamento tecnico-specialistico per la realizzazione di interventi progettuali in ambito locale. Il servizio sarà erogato a seguito della stipula di un accordo di collaborazione e consiste nella possibilità sostenere le amministrazioni aggiudicatarie nel processo di individuazione delle risorse finanziarie necessarie per mettere in cantiere gli investimenti programmati. I tempi L’attività di supporto sarà assicurata per un periodo massimo di 10 mesi a partire dalla firma dell’accordo di collaborazione e sarà pari a 100 giorno per uomo. Almeno il 30 per cento di tale attività sarà realizzato on site, direttamente presso le regioni interessate, mentre la parte rimanente sarà svolta attraverso una modalità desk che implicherà sempre una costante interlocuzione con le strutture tecniche dell’Ente selezionato. Scadenza Le proposte dovranno essere presentate, esclusivamente in forma elettronica e con firma digitale, entro le ore 13 del prossimo 30 maggio tramite il sito di Studiare Sviluppo (all’indirizzo efisio@studiaresviluppo.it). Una volta pubblicata la graduatoria finale si passerà direttamente alla fase operativa, partendo dalla sottoscrizione dell’accordo tra Studiare Sviluppo, l’Osservatorio nazionale Smart City e l’Amministrazione aggiudicataria, fissando immediatamente contenuti, tempi, fasi e modalità di esecuzione.